Eccidio di Via della Ripa, "Armati mio cuore": l'Anpi lancia un concorso

Il concorso che nel 2019 ha coinvolto 66 partecipanti, cittadini e studenti, mantiene anche per il 2020 la suddivisione in due sezioni

Nell’ambito delle commemorazioni previste per l’anniversario dell’eccidio di Via della Ripa del 1944, oltre alle consuete celebrazioni sul luogo della strage, una serie di incontri nelle scuole e un evento conclusivo al teatro Diego Fabbri, l’Anpi lancia la seconda edizione del concorso per immagini e opere grafiche "Armati mio cuore – Le ragazze di via della Ripa". Il concorso che nel 2019 ha coinvolto 66 partecipanti, cittadini e studenti, mantiene anche per il 2020 la suddivisione in due sezioni: una aperta a tutta la cittadinanza, l’altra rivolta esclusivamente agli iscritti alle scuole secondarie di II grado.

Per ciascuna sezione sono previsti premi per i primi tre classificati (rispettivamente di 300, 200 e 100 euro). Il formato massimo delle opere sarà 70x100 centimetri. Copia del bando può essere richiesta via mail, scrivendo a info@anpi.forli.it, oppure ritirata in cartaceo nelòla sede di Anpi, in via Albicini 25. L'ufficio è aperto dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 12.30. Anche la consegna degli elaborati – da effettuarsi entro il termine di venerdì 14 febbraio 2020 alle 12 – può avvenire tramite e-mail o consegna a mano presso la sede. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Punta un euro su un gratta e vinci e non crede ai propri occhi: il "Sette e mezzo" è fortunato

  • Nel weekend tornano freddo e neve, ecco dove sono attesi i fiocchi. Ma l'inverno non decollerà

  • E' confermato il ritorno della neve, ecco dove sono attesi i fiocchi bianchi: allerta "gialla"

  • Donna in carrozzina investita sulle strisce pedonali mentre attraversa vicino al supermercato

  • Pit stop "stupefacente" dal gommista: la Squadra Mobile scopre il canale della droga per Forlì

  • Porta l'auto dal meccanico e dal cofano spunta una micia: "E' una gatta di casa, cerchiamo la sua famiglia"

Torna su
ForlìToday è in caricamento