In aiuto dei bambini più fragili: a Modigliana ecco il progetto "Edu Valley"

EDU Valley è stato selezionato da "Con i Bambini" nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile ed è realizzato da una rete di undici partner territoriali e non coordinati dalla Cooperativa Sociale Kara Bobowski.

Sabato 18 maggio 2019, è in programma a Modigliana (sala Bernabei, piazza Matteotti 5, ore 10) la presentazione pubblica di EDU Valley, un progetto pensato per il territorio della Vallata del Tramazzo (comuni di Modigliana e Tredozio) e destinato alla fascia d’età 5-14 anni.

EDU Valley è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile ed è realizzato da una rete di undici partner territoriali e non coordinati dalla Cooperativa Sociale Kara Bobowski. Tra le numerose attività previste nel triennio 2018-2021, hanno già preso avvio laboratori di supporto a minori con fragilità educative, momenti di educazione all’utilizzo consapevole delle nuove tecnologie digitali, il potenziamento del centro educativo pomeridiano “Punto X”, un percorso strutturato di orientamento alla scelta della scuola superiore per i ragazzi di seconda e terza media, laboratori di educazione alimentare e interculturale per i bimbi di 5 anni, uno sportello d’ascolto all’interno del contesto scolastico.

Quello del 18 maggio non vuole essere solo un momento di presentazione delle varie attività, ma anche un’occasione di condivisione e attivazione della comunità che è elemento fondante dell’intero progetto. EDU Valley punta infatti sul concetto di comunità educante che stringe un patto di alleanza, agisce con senso di buon vicinato, si preoccupa e si occupa dei suoi ragazzi, bene e risorsa comune da tutelare, nell’ottica di una genitorialità sociale.  Al contempo, la comunità deve anche essere educata con l’impegno da parte degli adulti a potenziare o acquisire competenze utili ad esercitare con efficacia il proprio ruolo educativo, specie nell’odierna era digitale. Proprio per questo, EDU Valley prevede una serie di attività formative rivolte in primis a famiglie, insegnanti ed educatori.

Infine, il progetto dà risalto al concetto di comunità di tutti che include e valorizza talenti e capacità di ciascuno, sostenendo i bisogni educativi dei minori fragili, innalzando la qualità dell’offerta educativa nel contesto scolastico ed extrascolastico e operando per prevenire forme di disagio quali difficoltà di inclusione, senso di isolamento, scarsa autostima, bullismo.

In EDU Valley la Cooperativa Sociale Kara Bobowski opera in rete con Istituto Comprensivo “Silvestro Lega”, Comuni di Modigliana e Tredozio, Associazione Psichedigitale, Cooperativa Sociale Abbraccio Verde, Parrocchia di Santo Stefano Papa in Cattedrale, Associazione GAD, Almadiploma Bologna, CePDI Parma e AICCON che si occuperà di valutarne l’impatto sociale. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    In 600 al dibattito sui temi cattolici, la metà resta fuori. 'Fattore famiglia', la posizione dei candidati

  • Politica

    Burocrazia, tutti la combattono eppure cresce. Come i candidati vogliono rendere il Comune più snello

  • Cronaca

    Viene operata a 101 anni alla cataratta e recupera ben sette decimi di vista

  • Cronaca

    Nuovo successo per la Chirurgia forlivese: il dottor Alessandro Cucchetti ottiene l'abilitazione scientifica universitaria di prima fascia

I più letti della settimana

  • Non si presenta al lavoro da giorni, la sorella dà l'allarme: trovato morto in casa

  • Alluvione, lavori conclusi: sanato l'argine. Polemica sulle mancate casse di espansione

  • Continua il maggio vestito d'inverno, temperature in picchiata. E la diga tracima con la neve

  • Forte temporale colpisce il Forlivese, tanta pioggia in pochi minuti: diversi allagamenti

  • Tragedia sui binari: circolazione dei treni rallentata al mattino tra Forlì e Faenza

  • Alluvione a Villafranca: strade libere dall'acqua, cittadini alle prese coi danni

Torna su
ForlìToday è in caricamento