Una delegazione forlivese in visita ufficiale a Bourges, città gemellata

Il Sindaco di Forlì, Davide Drei: “Prosegue e si rafforza il percorso di vicinanza e lo sviluppo delle relazioni che uniscono le due comunità su temi di comune interesse”

Nell'ambito delle consolidate relazioni istituzionali con la città francese di Bourges, gemellata con la città di Forlì fin dagli anni Ottanta, si è tenuta dal 23 al 25 novembre scorsi la visita ufficiale nel capoluogo del Dipartimento del Cher nella Regione Centro-Valle della Loira della delegazione composta dal Sindaco di Forlì, Davide Drei, dalla Presidente dell’Associazione Italo-Francese di Forlì Marie-Line Zucchiatti e da operatori del mondo della cultura e dell'impresa locale. Nel corso della visita, è stato conferito, al Comune di Bourges, attraverso il suo sindaco Pascal Blanc, il Sigillo di Caterina Sforza in segno di  amicizia.

“La visita ha rappresentato una ulteriore tappa del percorso di vicinanza che unisce le due città e della proficua collaborazione – ha dichiarato il Sindaco di Forlì, Davide Drei -. Ed è stata inoltre l'occasione per recuperare la memoria delle relazioni tra città e per riaffermare il valore del concetto di Europa, intesa come dimensione culturale, di salvaguardia della fratellanza tra i popoli e di promozione della pace”.

La missione della delegazione forlivese, inserita in un programma di scambi e di relazioni, segue la visita in terra romagnola di una delegazione francese avvenuta nel mese di luglio, iniziativa che ha sancito un rilancio nel rapporto di amicizia fra i due Comuni. 

Tra i recenti momenti di incontro e sviluppo delle relazioni tra le due città gemelle, si ricorda nel mese di settembre l’incontro a Bourges del Direttore del Punto Europa di Forlì, Fabio Casini, con il suo omologo del Centre d’Information Europe Direct e la partecipazione alla festa annuale delle Associazioni di Bourges e del territorio. Ad ottobre si è recato a Bourges l'Atelier delle Figure-Scuola dei burattini per uno spettacolo, nell'occasione il fondatore dell’Atelier, Stefano Giunchi, ha anche tenuto una lezione-dimostrazione sui metodi di insegnamento e i linguaggi del Teatro di Figura.

Nei primi mesi del 2019 sono previsti ulteriori momenti di scambio che vedranno il coinvolgimento di alcuni istituti scolastici forlivesi. Così come si prevede una collaborazione tra gli istituti culturali delle città nell'ambito dell' “Année Renaissance - 2019", istituito dallo Stato francese e dedicato al periodo del Rinascimento in occasione del cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo da Vinci avvenuta ad Amboise proprio nella Regione Centro-Valle della Loira.  In un'ottica di sviluppo degli accordi di cooperazione, in particolare in ambito culturale, giovanile, sportivo e di impresa, l'Amministrazione Comunale forlivese ha rivolto un invito agli Amministratori del Comune d'Oltralpe, per una visita a Forlì e in Romagna in una data ancora da definire.

Potrebbe interessarti

  • Sembrano sani, ma non è vero: ecco svelati 7 alimenti da evitare per la dieta

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

  • La vedova di Bovolenta rivela: "Ho ritrovato l’amore. La vita regala sorprese bellissime"

  • Investimento mortale sulla linea Adriatica: ritardi fino a 3 ore e nove treni cancellati

  • Trema la terra: doppia scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

  • Trovata senza vita in casa, aveva dei lividi. Gli accertamenti escludono la morte violenta

Torna su
ForlìToday è in caricamento