Aziende » Alimentazione » Ristorante tipico »

rifugio città di forlì

  • di Cristina Stucchi
  • azienda Accompagnatori per escursioni diurne e notturne - Noleggio ciaspole/bastoncini

Contatti

Mappa
Via CAI Prati della Burraia Campigna · 93 · Santa Sofia · 47018

Benvenuti al rifugio C.A.I. Città di Forlì

Nel cuore del "Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna", sul crinale che unisce la Romagna e la Toscana, troverete il nostro rifugio. Posto tappa della Grande Escursione Appenninica GEA 00, dell'Alta Via dei Parchi, Sentiero delle Foreste Sacre, Ippovia, Cammino di Sant'Antonio.

Il Rifugio

Il rifugio è situato a 1450mt,ai Prati della Burraia,si raggiunge in macchina dal Passo della Calla seguendo le indicazioni,a circa 2km dopo un parcheggio sterrato troverete a sinistra il cartello per il parcheggio del rifugio,in fondo al quale c'è il sentiero che in 5 minuti vi porterà a noi.
I gestori mettono a disposizione:
- Accompagnatori per escursioni diurne e notturne
- Noleggio ciaspole/bastoncini
- Sala convegni
- Cucina tipica locale
- 44 posti in camere da 1-2-3-4 letti

Il Territorio

Il Parco si estende lungo la dorsale appenninica tosco-romagnola scendendo ripido lungo il versante romagnolo e più graduale nel versante toscano fino al fondovalle formato dall'Arno. Il paesaggio è caratterizzato da rocce di arenaria, praterie alpine, boschi misti.
La cima più alta è il Monte Falco 1667mt raggiungibile dal rifugio in 50min, seguita dal Monte Falterona 1654mt. Consigliate le visite a Capo d'Arno e Lago degli Idoli.
webcam : pratiburraia.altervista.org/webcampratiburraia

Le Foreste Sacre

Dal rifugio si può agevolmente raggiungere il complesso dell'Eremo di Camaldoli in 3/4 ore.
Altro luogo arcaico e sacrale è il Lago degli Idoli dove sono stati ritrovati ex voto plurimillenari celti ed etruschi.
Ad un giorno di cammino lo spirituale Convento della Verna, dove San Francesco ricevette le Sacre Stimmate; da vedere le pregevoli terracotte Robbiane ed interessante la Diaclasi del Monte Penna (dal letto di pietra di San Francesco).
Sopra al Convento la foresta di faggi plurisecolari.

Flora e Fauna

Il territorio di crinale attorno al rifugio offre al naturalista come al semplice amante della natura tante occasioni di avvistamento in quello che è un vero scrigno di biodiversità.
Tra la flora ricordiamo: Anemone a fiori di narciso, Sassifraga a foglie opposte, Mirtillo rosso, tutte legate alle alte montagne e retaggio del periodo glaciale di 20.000 anni fa. Nel mondo animale sono presenti: Falco Pellegrino, Pecchiaiolo, Gufo Reale, Aquila Reale, Cervo, Daino, Capriolo, Lupo

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

Torna su
ForlìToday è in caricamento