Obesità infantile: 5 consigli per prevenirla

L'obesità infantile è un problema sempre più diffuso che prende origine da un rapporto scorretto con il cibo. Come per tutte le altre cose, anche in questo frangente l'esempio degli adulti è fondamentale

Nel prevenire il sovrappeso e l’obesità infantile, i genitori hanno un ruolo fondamentale: sono loro, infatti, a dover dare il buon esempio e garantire un ambiente di crescita sereno e sano. Purtroppo, come ha segnalato la sezione europea dell'Oms al Congresso Europeo sull’obesità tenutosi a Glasgow, Grecia, Malta, Italia e Spagna sono i paesi con il più alto livello di obesità grave nei bambini in età scolare. 

Che cosa causa l'obesità?

L’ obesità è causata da una discrepanza cronica tra l’energia calorica assunta e quella consumata: si mangia troppo o si assumono cibi troppo calorici rispetto a quanto richiesto dal proprio metabolismo corporeo. L'obesità grave nei bambini è associata a risultati cardiovascolari e metabolici negativi sia immediati che a lungo termine, ed è riconducibile a un insieme di concause:

  • scarsa educazione alimentare
  • predisposizione genetica
  • stile di vita troppo sedentario
  • status socio-economico
  • quantità e qualità del sonno. 

Ecco allora 5 consigli utili, con cui potrai aiutare tuo figlio ad assumere uno stile alimentare corretto e variegato.

1. Dagli la possibilità di scegliere

Dare un’unica opzione, magari già non molto invitante, può risultare frustrante per un bambino: permettigli di scegliere tra due alimenti, ugualmente sani. Questo consentirà al bambino di sentirsi più sicuro di sé e minimizzerà il rischio del rifiuto totale del cibo.

2. Procedi a piccoli passi

Inizia con piccoli cambiamenti: ridurrai la pressione sul momento del pasto ed eviterai discussioni. È importante lasciare al bambino i suoi “alimenti sicuri”, quelli che sai che mangerà, ma prova a introdurre regolarmente qualcosa di nuovo, meglio se in quantità ridotte. Con  perseveranza e una sfida all’assaggio o le dovute rassicurazioni sul fatto che non c’è nulla di male se un alimento non piace, invoglierai tuo figlio a sperimentare cibi nuovi.

3. Sii un buon esempio

Cerca di essere il primo a condurre uno stile di vita sano: prenditi cura di te, mangia bene e fai esercizio fisico regolarmente. Inoltre, è importante mangiare insieme durante i pasti: potrai controllare ciò che mangia tuo figlio e in più lo aiuterai a imitare le tue abitudini alimentari.

4. Ricompensa gli sforzi

Offri delle ricompense e complimentati con il tuo bambino quando assaggia nuovi cibi o mangia qualcosa di sano. È importante però che la ricompensa non sia legata al cibo, ma piuttosto ad un'attività come andare al parco, colorare o giocare insieme: dire “se mangi le verdure dopo puoi avere la cioccolata” darà l’impressione che il cibo che stiamo offrendo “vale meno” della ricompensa.

5. Mangio bene perché mi fa sentire bene

Soprattutto per i bambini più grandi, il cibo e il peso possono essere un argomento delicato, e le preoccupazioni su come appaiono possono contribuire a problemi di autostima. Uno studio recente ha rilevato che obesità e salute mentale sono strettamente collegate, ed i bambini obesi hanno più probabilità di soffrire di problemi emotivi come ansia e depressione. Nelle vostre conversazioni, prova ad evitare di collegare l'alimentazione sana all'aspetto fisico: incoraggialo a mangiare bene e fare esercizio perché questo lo fa sentire bene, piuttosto che perché lo fa dimagrire. 
Cerca inoltre di coinvolgere tutta la famiglia: il fatto che tutto il nucleo familiare intraprenda un cambiamento fa sentire meno solo il bambino e lo aiuta a raggiungere obiettivi più sani.

I 6 alimenti estivi per contrastare afa e caldo

In forma, in spiaggia: 5 sport da praticare in riva al mare quest'estate

L'attività fisica e i bambini

Non dimenticare di coinvolgere il bambino in attività fisiche alla sua portata: anche un pomeriggio al parco o una passeggiata in bicicletta possono aiutare a contrastare una vita sedentaria. Proponigli di partecipare a open day e lezioni di prova perché capisca quale attività fisica gli è più congeniale e permettigli di avere dei momenti dedicati interamente allo sport o al divertimento all'aria aperta.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La triste fine di una grande azienda del forlivese: dichiarato il fallimento dopo oltre 50 anni

  • Un bagliore visibile a chilometri di distanza: incendio in un'azienda

  • Sfilata in intimo contro i pregiudizi: in Piazza Duomo a Milano anche la forlivese Giulia Gambini

  • Dopo l'esplosione al bancomat, pioggia di colpi sui carabinieri: proiettile colpisce l'auto di pattuglia

  • Folle velocità, schianto e cappottamento in Tangenziale: guidava con una patente falsa

  • Terzo lotto della Tangenziale, partita la procedura per i 70 espropri di pubblica utilità

Torna su
ForlìToday è in caricamento