Amuchina fai da te: la ricetta dell'OMS per avere mani disinfettate

Scopriamo come produrre in casa l'amuchina, con la ricetta divulgata dall'Organizzazione Mondiale della Salute

Lavarsi le mani è sempre la scelta migliore, ma sappiamo che spesso non è possibile, soprattutto quando ci troviamo fuori casa e dobbiamo magari recarci in luoghi pubblici o prendere un autobus. Per questo esistono prodotti come l'amuchina, che tuttavia non ha una ricetta "segreta": è quindi possibile produrla autonomamente, rifornendosi dei 4 ingredienti necessari senza troppe difficoltà.

Scopriamo come produrre in casa l'amuchina, con la ricetta divulgata dall'Organizzazione Mondiale della Salute: l'OMS promuove l'uso di questa  ricetta anche per chi opera a livello medico in aree del mondo dove la scarsità d'acqua impedisce di lavarsi le mani.

Amuchina fatta in casa, la ricetta

L'Amuchina altro non è che un igienizzante a base di alcol etilico, ipoclorito di sodio diluiti in acqua in percentuali specifiche in base ai diversi utilizzi che ne vengono fatti. Proprio partendo da questi ingredienti, è possibile realizzare un disinfettante per mani fai da te.

Di seguito la ricetta per 100 ml di prodotto:

  • 833 ml di alcol etilico al 96%
  • 42 ml di acqua ossigenata al 3%
  • 15 ml di glicerina (glicerolo, acquistabile in farmacia a pochi euro) al 98%
  • acqua distillata oppure acqua bollita e raffreddata fino ad arrivare ad 1 litro

Se non avete un misuratore in millilitri, il chimico e divulgatore scientifico Dario Bressanini ha condiviso la stessa ricetta, ma utilizzando i grammi, per 200 ml di prodotto:

  • 135 gr di alcol etilico al 96%
  • 8 gr di acqua ossigenata al 3%
  • 4 gr di glicerina (glicerolo, acquistabile in farmacia a pochi euro) al 98%
  • 22 gr di acqua distillata oppure acqua bollita e raffreddata

Si conserva in bottiglia di plastica o vetro, da tappare bene.

Disinfettare le mani

Per essere realmente efficace l'alcol etilico non va usato puro, ma diluito in acqua in percentuale non inferiore al 75% e su mani pulite, prive di incrostazioni di qualsiasi tipo o strati di unto, e asciutte. Nella ricetta dell'Amuchina fatta in casa è presente anche la glicerina, perché serve ad aumentare la densità del prodotto evitando che scivoli via dalle mani. L'acqua ossigenata, infine, serve ad eliminare eventuali spore batteriche non uccise dall'alcol.

Il Ministero della Sanità specifica che, per una corretta igiene delle mani, è indispensabile lavare spesso le mani, almeno per 40-60 secondi, o passare l'igienizzante (Amuchina o simili) per almeno 30-40 secondi. Si sconsiglia, inoltre, l'uso eccessivo di questi disinfettanti a base di alcol etilico che, con il tempo, seccano la cute e potrebbero favorire la resistenza nei batteri. Meglio lavare spesso le mani, insomma e seguire il vademecum diffuso dal Ministero sul Coronavirus.

Disinfettare le superfici

L'amuchina è consigliata non solo per igienizzare le mani, ma anche le superfici di casa, dai pavimenti alle mensole, a tutti i piani di lavoro. Per disinfettare queste superfici serve una soluzione a base di ipoclorito di sodio all’1%: ossia 99% di acqua e 1% di banalissima candeggina, come è chiamato comunemente l'ipoclorito di sodio per il suo potere sbiancante, oltre che di funghicida, sporacida e virucida. 

Per igienizzare efficacemente, il prodotto va lasciato agire dai 5 ai 15 minuti. Questa soluzione non è assolutamente indicata per le mani.

Coronavirus: come prevenire il contagio e cosa fare se si sta male

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bollettino più nero per Forlì: tre morti. Deceduto anche un ragazzo di 26 anni, attivo negli Scout

  • Coronavirus, il ringraziamento dell'azienda ai suoi dipendenti: un aumento in busta paga

  • Coronavirus, altri due morti a Forlì. I casi nel Forlivese salgono a 335

  • Bar aperto e colazioni ai clienti: tutti finiscono multati. Trovato aperto anche un minimarket: chiuso e multato

  • Coronavirus, rallenta ancora la crescita dei contagiati. Ufficializzate le prime guarigioni forlivesi

  • Coronavirus, frenano i contagi nel Forlivese. Ma si segnala un morto in più in città

Torna su
ForlìToday è in caricamento