Pane, olio e fantasia

Pane, olio e fantasia

Scoperta in una soffitta una ricetta di 110 anni fa

Dà le indicazioni per fare il vov alla romagnola. E' all'interno di un libricino dal titolo "140 maniere di fare i dolci" e l'autrice l'ha scritta rigorosamente a mano. Si trovano anche i consigli per preparare il Latteruolo e le Pesche ripiene

Al giorno d'oggi siamo sommersi da tutti i tipi di ricette e per tutti i gusti: si trovano sui giornali, su internet, sui libri, in televisione. Basta un click sul computer e tutti possiamo improvvisarci ottimi chef. 
Il discorso era ben diverso un centinaio di anni fa anche perchè non c'erano i mezzi di comunicazione che ci sono oggi, quindi le ricette si potevano trovare solo nei pochissimi libri pubblicati o si tramandavano da madre a figlia scrivendole a mano sul prezioso taccuino20160812_034757-3 delle ricette. 
Ne sa qualcosa Alessandro Bravaccini, gestore del ristorante "Alto e Savio, insolito luogo di ristorazione" di San Piero in Bagno, nonchè appassionato di storia della cucina che, ultimamente, aiutando amici a svuotare una casa, si è ritrovato in mano un libro che risale al 1907 dal 20160812_034757-2titolo "140 maniere di fare i dolci" (15 centesimi il costo, edito da Adriano Salani di Firenze). All'interno del prezioso libricino Alessandro ha trovato una ricetta scritta a mano da una misteriosa donna vissuta alla fine del 1800 che con grande meticolosità e un linguaggio, ovviamente dell'epoca, ha voluto tramandare la sua ricetta per il vov, liquore energetico e naturale, tipico della Romagna e ottimo anche d'estate se bevuto freddo. La ricetta diventa interessante perchè le indicazioni che dà la cuoca sono un po' diverse da quelle che si trovano nelle ricette attuali. La differenza sta nel rum e nell'acqua che in questa ricetta vengono aggiunti mentre al giorno d'oggi non sono nemmeno citati. Secondo me vale la pena provare almeno per capire come i romagnoli bevevano il vov agli inizi del 1900, oltre 100 anni fa. Ecco gli ingredienti e le indicazioni: cinque uova, zucchero 0,500 kg, un quinto di litro di acqua, un quinto di litro di marsala, un quinto di litro di alcol puro, un bicchierino di rum e un grammo di vanillina. Si montano i soli rossi d'uovo con un cucchiaio di zucchero lavorandoli per una mezz'ora (e aggiungendo zucchero). Si prende l'acqua, vi si versa prima il marsala, poi la vanillina e così di seguito il rum e per ultimo l'alcol puro. Buona energia a tutti. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Un vaso stupefacente nascosto in un garage seminterrato: preso pusher di cocaina

  • Cronaca

    Controlli a tappeto della Polizia: denunciate e segnalate sette persone

  • Cronaca

    Dà in escandescenza al Sert e alza le mani contro un'infermiera ed una guardia giurata: indaga la Polizia

  • Cronaca

    Densa nuvola di fumo nero in cielo fa scattare l'allarme

I più letti della settimana

  • Superenalotto, sfiorato il jackpot da oltre 100 milioni di euro. Si deve accontentare di un 5

  • Violento tamponamento in A14: uomo portato in elicottero al Bufalini

  • La gru caricata sul camion urta un cavalcavia e precipita sulla strada: tragedia sfiorata

  • Gestiva una "casa del piacere", la prostituta era la fidanzata: ora è in carcere

  • Resta ferito dopo la caduta dalla super bici, un passante gliela recupera. Ma ora è "latitante". La Polizia lancia un appello

  • Le dieci migliori pizzerie di Forlì: ecco la classifica secondo gli utenti di "Tripadvisor"

Torna su
ForlìToday è in caricamento