Un dolce che stupirà gli occhi e il palato dei bimbi: ecco la "Torta riccio di Natale"

Ecco una nuova gustosa idea della nostra Francy, che, per l'appuntamento con "Se lo faccio io...", ha preparato un dolce in tema natalizio che stupirà gli occhi, ma che sarà tanto gradito ai piccoli

Trasformare un pandoro in un "riccio di Natale". È l'idea della nostra Francy, che, per il nuovo gustoso appuntamento con "Se lo faccio io...", ha preparato un dolce in tema natalizio che stupirà gli occhi, ma che sarà tanto gradito ai piccoli. Per realizzarlo bastano pochi ingredienti: un pandoro, mezzo chilo di ricotta, della crema spalmabile alla nocciola, quattro bastoncini Mikado e tre M&M al cioccolato o Smarties.

Tagliare il pandoro in due e poi ricavare da ognuna delle due metà sei fette (quella del fondo da non utilizzare). In una ciotola lavorare la ricotta con un cucchiaio in legno, amalgamando poi con dosi a piacere (circa tre cucchiai) la crema spalmabile, ottenendo così la farcitura che servirà ad arricchire il "riccio". Se non la si ritiene dolce è possibile aggiungere un po' di zucchero a velo.

La composizione del "riccio"

La crema andrà spalmata su ciascuna fetta, che andranno poi sistemate in modo sfalsate, ma compatte, una appoggiata all'altra orizzontalmente. Premere le estremità per compattarlo. Quindi coprire le parti "bianche" con la crema avanzata. Da una fetta avanzata ricavare un piccolo triangolo. Sarà il musetto del riccio, col muso decorato con la farcia. I Mikado saranno i baffi, mentre gli M&M gli occhi e la bocca. Spolverizzare con zucchero a velo. 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Se lo faccio io, lo puoi fare pure tu

Mi chiamo Franca ed amo la vita. Adoro andare in palestra e vivere all'aria aperta, ma ciò a cui non rinuncerei per nulla al mondo è sedermi a tavola con la mia famiglia o con gli amici. Questo è un piccolo blog culinario per chi non ha tempo ma vuole ugualmente preparare - per sé e per chi ama - piatti gustosi e di velocissima preparazione. Perché non tutti possiamo essere grandi chef, ma tutti abbiamo il diritto di mangiar bene, cucinando in allegria

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ForlìToday è in caricamento