Assicurazione casa, scoppio e incendio: che cosa copre, i costi e il risarcimento

Cosa c’è da sapere sulla polizza assicurativa che copre le spese relative ai danni sull’immobile in seguito a esplosioni o incendi

L'assicurazione casa, incendio e scoppio garantisce una protezione in caso di danni provocati da circostanze imprevedibili, quali, appunto, gli incendi o gli scoppi derivanti da fughe di gas o cortocircuiti. 

Un tempo considerata un'assicurazione volontaria e stipulata solo da coloro che, durante l'accensione del mutuo, volevano stare più tranquilli di fronte a queste eventualità, oggi è diventata obbligatoria per legge e va stipulata prima di richiedere un mutuo per l'acquisto di un immobile come condizione necessaria perché le banche concedano un prestito. 

Il cliente può decidere di sottoscrivere la polizza assicurazione incendio o scoppio con la stessa banca che eroga il mutuo o rivolgersi ad altre agenzie che offrano una soluzione più conveniente. L’istituto di credito non può in nessun caso rifiutare la concessione del mutuo se alla fine si sottoscrive una polizza incendio e scoppio con un'altra agenzia assicurativa. 

Inoltre, è previsto che la banca erogatrice del mutuo presenti al cliente almeno due preventivi di due differenti compagnie assicurative che non siano partner dell'istituto di credito.

Casseforti invisibili: come nascondere soldi e oggetti preziosi in casa

Assicurazione casa, scoppio e incendio: cosa copre

L’assicurazione casa scoppio e incendio copre le spese derivanti alla messa a nuovo dell'immobile in seguito a esplosioni o incendi che possono causare danni ai beni, agli impianti domestici, la perdita di oggetti preziosi, di arredamento, guasti al sistema idrico o elettrico. 

Se si verifica uno degli eventi sopraindicati, la compagna assicurativa deve risarcire i costi di riparazione o di ricostruzione dell'immobile o pagare una somma pari al valore dei beni persi o degli impianti danneggiati, in base a quanto sottoscritto in sede contrattuale e ai massimi stabiliti nella stessa polizza. 

Assicurazione casa, scoppio e incendio: i costi

In generale, il costo mensile di una polizza oscilla tra i 30-50 €, ma il costo può diminuire o aumentare a seconda di alcune variabili: aggiunta di altre polizze sull'immobile da acquistare (assicurazione furto, assistenza tecnica in caso di guasti) o sottoscrizione di un pacchetto all inclusive che comprende anche l'RC auto.

Il premio dell'assicurazione casa, scoppio e incendio che costituisce il costo della polizza è calcolato in base al TAEG - Tasso Annuo Effettivo Globale - e può essere corrisposto dal soggetto mutuatario in due modalità, in base alle proprie esigenze di spesa del momento:
- versamento della quota complessiva in un'unica soluzione; 
- rata annuale.

Assicurazione casa, scoppio e incendio: il risarcimento 

Nel caso della verifica di incendi, esplosioni nella propria abitazione e perdita dei beni, in parte o completamente all'interno dell'abitazione o l'intero immobile stesso, la compagnia assicurativa deve risarcire i costi di ricostruzione dell'immobile con una somma pari al valore complessivo dei beni persi o degli impianti domestici che hanno subito dei danni, previa verifica delle cause dei danni.

Il risarcimento dei danni subiti dall'immobile può essere determinato in base al valore commerciale della casa o, in alternativa, è previsto un massimale per la copertura danni oltre il quale non è possibile risarcire il sottoscrittore della polizza.

In sostanza, se a causa di incendio si ha, ad esempio, un danno di 600.000 euro e la compagnia assicurativa con la quale si è stipulata la polizza ha un tetto massimo di risarcimento di 500.000 euro, il rimborso non andrà oltre tale cifra.

E’ bene evidenziare che la compagnia assicurativa prima di erogare il rimborso dei danni provvede ad una attenta analisi delle cause che hanno provocato l'incendio o la perdita di gas. Se dalla perizia viene evidenziato che i danni non sono imputabili ad un evento fortuito ma sono dovuti ad altre cause, non si otterrà nessun risarcimento. 

Le cause che possono far decadere l'obbligo al risarcimento dei danni all'immobile sono: 

- incuria e disattenzione come il mancato spegnimento di un sigaretta, 
- difetti degli elettrodomestici, 
- mancata manutenzione della caldaia o degli impianti domestici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva il freddo: come pulire i termosifoni in poche semplici mosse

  • Luce e gas, come risparmiare sulla bolletta in inverno?

Torna su
ForlìToday è in caricamento