Sospetto caso di Dengue in Romagna, il paziente tornava dall'estero. Scatta il piano di disinfestazione

La febbre Dengue è un’arbovirosi causata da 1 dei 4 sierotipi di virus Dengue, la cui trasmissione non è da uomo a uomo, ma esclusivamente attraverso punture di zanzare infette

Un altro sospetto caso di dengue in Romagna. A renderlo noto è il sindaco di Galeata, Elisa Deo, informata del fatto dal Dipartimento di Sanità Pubblica forlivese del Servizio Sanitario Regionale dell'Emilia Romagna. La persona, residemte nella località della val Bidente, ha manifestato i sintomi al ritorno da un viaggio all'estero. La febbre Dengue è un’arbovirosi causata da 1 dei 4 sierotipi di virus Dengue, la cui trasmissione non è da uomo a uomo, ma esclusivamente attraverso punture di zanzare infette del genere Aedes (tra cui la zanzara tigre), che pungono prevalentemente di giorno.

Per questo, come da indicazioni contenute nel "Piano Regionale di Sorveglianza e Controllo delle Arbovirosi - Anno 2019", il Comune di Galeata si è immediatamente attivato in accordo con il Dipartimento di Sanità Pubblica per la lotta al vettore: "Venerdì sera sono iniziati nel territorio comunale i trattamenti di disinfestazione contro le zanzare ed altri insetti", informa Deo.



 

Potrebbe interessarti

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • 7 cose da fare in casa prima di partire per le vacanze: tu le hai fatte?

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Arriva al pronto soccorso e muore in poche ore, ucciso da una meningite fulminante

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Dipendente comunale ucciso dalla meningite fulminante, profilassi anche in alcuni uffici municipali

  • Feroce scazzottata in centro storico, ragazzo in coma al "Bufalini"

  • "Afferra i bambini e allarma le mamme": paura in centro. La polizia ferma un uomo

Torna su
ForlìToday è in caricamento