Ciuccio smart "made in Forlì" collegato con un'app al telefono: si cercano mamme per testarlo

In luoghi affollati dove a volte succede, con grande angoscia dei genitori, di veder sparire il bambino per pochi minuti magari attratto improvvisamente da un gioco o qualsiasi cosa che lo ha incuriosito

La tecnologia arriva anche nei ciucci per i bambini, che diventano “smart”.  E' un'invenzione ancora in fase di test di un'azienda di Forlì, la Upgrading Srl di cui è socio Alessandro Zitarelli, che spiega “da circa un anno e mezzo abbiamo depositato domanda di brevetto per un prodotto innovativo nel campo della sicurezza dei bambini da zero a tre anni”. Di cosa si tratta? Di un ciuccio “smart”, dotato di sensore, che permette allo smartphone, tramite un’app, di individuare il piccolo e monitorarne costantemente la distanza e direzione dal genitore.

L’idea nasce per ridurre gli incidenti di abbandono del neonato in auto (in questo caso è il genitore che si allontana distrattamente dal bambino), ma ovviamente gli scenari di utilizzo sono molteplici come in spiaggia o in un centro commerciale o altri luoghi affollati dove a volte succede, con grande angoscia dei genitori, di veder sparire il bambino per pochi minuti magari attratto improvvisamente da un gioco o qualsiasi cosa che lo ha incuriosito. Se il piccolo si allontana oltre una certa distanza dal genitore, lo smartphone  emette un allarme sonoro che allerta i genitori  indicando loro la direzione e la posizione del bambino. Anche  il genitore potrebbe allontanarsi inavvertitamente dal bambino come nei casi peggiori in cui quest’ultimo viene dimenticato in auto. Infine l’integrazione con i sistemi domotici permette al ciuccio di allertare il genitore in casa, qualora il bambino si avvicini troppo ad un pericolo, come forno, fornelli, permettendo un intervento tempestivo. Nei sistemi domotici avanzati si potrà anche, in caso di pericolo, inibire il funzionamento dell’elettrodomestico.

Sempre Zitarelli: “Ad oggi abbiamo sviluppato il prototipo e la versione beta dell’App e vogliamo istituire un focus group di mamme che possano partecipare con le loro opinioni e suggerimenti al miglioramento del prodotto per avvicinarci al mercato”. Si cercano quindi mamme disposte a testare il ciuccio “di sicurezza”.  Il primo Focus group si terrà giovedì 11 aprile in piazza Saffi 45 alle ore 18, previsto anche un aperitivo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata torna in Corso della Repubblica: colpaccio con soli 3 euro

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • Assalita nella lite condominiale a suon di 'terrona' e 'morta di fame': l'amara segnalazione di una donna

  • Due concorsi per una settantina di posti nel pubblico impiego, la Cgil organizza la formazione

  • "Ripuliva" i soldi delle fatture false in una sala giochi: riciclaggio sull'asse Faenza-Forlì, sequestro da un milione di euro

  • Escort e over 45, la trasgressione non ha età: il lato piccante e proibito di Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento