A Forlimpopoli “Misteri e Manicaretti con Pellegrino Artusi”

Da Bottega Finzioni di Lucarelli, una raccolta di racconti gialli per un detective d’eccezione

Avreste mai detto che un letterato gourmet, gastronomo per eccellenza del Belpaese, e la sua fida assistente potessero vestire i panni di Sherlock Holmes l’uno e di un’ improvvisata Watson l’altra? E’ proprio questa la sfida lanciata da 'Brividi a Cena', collana delle Edizioni del Loggione, a 21 autori di Bottega Finzioni, la scuola di scrittura fondata da Carlo Lucarelli, con la raccolta “Misteri e Manicaretti con Pellegrino Artusi”.

A vestire i panni del detective d’azione è Pellegrino Artusi che, insieme a Marietta Sabatini, diventa protagonista di 15 racconti gialli di ambientazione ottocentesca. Toccando diverse città italiane, tra cui ovviamente la Romagna e Forlimpopoli, al centro di ogni racconto una ricetta e la storia di come l’Artusi ne sia venuto a conoscenza e, dietro ogni manicaretto, un omicidio e un mistero da risolvere. Sarà compito proprio del baffuto gastronomo, con il suo acume, quello di scovare il colpevole e lo farà con la stessa maestria e disinvoltura con cui scova i prelibati piatti che compongono il suo Manuale. Sullo sfondo un Regno d’Italia in divenire che trova la sua unità anche in cucina.

Del resto non è la prima volta che il gastronomo forlimpopolese veste i panni del detective d’assalto. Già nel 2011 Marco Malvaldi ne aveva esaltato le doti da investigatore in un noir colto e divertente: “Odore di chiuso”.

“Bottega Finzioni e Casa Artusi hanno un rapporto di collaborazione e questo è solo il primo di tanti progetti che vogliamo realizzare - commenta il Presidente di Casa Artusi Giordano Conti - si tratta di un libro per molti aspetti sorprendente non solo perché unisce tanti giovani scrittori attorno alla figura di Pellegrino Artusi, ma anche perché dimostra come La Scienza in Cucina e l’Arte di Mangiar Bene stia ancora dando i suoi frutti perché continua fonte di ispirazione. Il grande merito dell’Artusi sta proprio nel non aver scritto un semplice libro di ricette, ma di aver riportato le storie, i luoghi e le tradizioni che si nascondano dietro ogni piatto”.

Lo stesso Lucarelli, nella prefazione al libro, scrive: “non stupisce che La Scienza in Cucina e l’Arte di Mangiar Bene sia molto di più di un libro di ricette. Pellegrino Artusi è stato un intellettuale, un filosofo della cucina, un narratore. Il suo nome risuona da più di un secolo nelle cucine italiane. Attraverso le 790 ricette che appaiono ne La scienza in cucina, Artusi ha raccontato l’evolversi del giovane Regno d’Italia, le usanze e i valori di quell’epoca”.
 

Potrebbe interessarti

  • Sos matrimonio estivo: come vestirsi per essere al top

  • Aperitivi a Forlì: 5 locali per un happy hour all'aria aperta

  • Niente aria condizionata in casa? Ecco 5 consigli per non sentirne troppo la mancanza

  • Pulizie approfondite in bagno? Scopri come avere un box doccia splendente

I più letti della settimana

  • Tragedia a Mirabilandia, muore annegato un bimbo di 4 anni: abitava nel forlivese

  • Liceo Scientifico, una vacanza oltre l'8 per 370 studenti: l'elenco dei bravissimi

  • Arrivano le prime bollette di Alea, ma in molti ancora non vedono il risparmio: ecco i motivi

  • Tempo di pagelle per gli studenti del "Liceo Classico": oltre 300 i bravissimi con la media superiore all'8

  • In preda all'alcol litiga con la madre e poi si lancia dalla finestra di casa: è in prognosi riservata

  • Bimbo morto annegato a Mirabeach, la direzione del parco: "Totale supporto alla famiglia"

Torna su
ForlìToday è in caricamento