A scuola di musica lirica con un maestro d'eccezione: Paolo Olmi

Il territorio della provincia di Forlì-Cesena ospiterà l'importante progetto di educazione alla musica lirica, sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna e coordinato dalla Provincia di Forlì-Cesena

Il territorio della provincia di Forlì-Cesena ospiterà l’importante progetto di educazione alla musica lirica, sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna e coordinato dalla Provincia di Forlì-Cesena, che porta il nome di “Scoprire l’Opera: Madama Butterfly per le scuole”. Il progetto vedrà la prestigiosa partecipazione del Maestro Paolo Olmi, direttore d’orchestra di fama internazionale, che si dedicherà dal 28 al 31 marzo 2012 alla fase conclusiva dell’iniziativa, vale a dire le prove generali al Carisport di Cesena, capace di 2300 posti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 
Il progetto coinvolgerà migliaia di studenti dalla quinta elementare fino alle scuole superiori in percorsi di comprensione dell’opera, con una parte teorica guidata (lettura del libretto, studio e analisi), ma anche il contatto diretto con gli artisti, la partecipazione alle prove e a tutte le fasi in cui l’opera viene preparata dall’orchestra, che a sua volta sarà costituita da giovani musicisti del territorio, che proverranno per oltre la metà dai Conservatorio di Cesena, Rimini, Ravenna e Bologna (circa 40 elementi) , integrati  da musicisti della Guidhall School di Londra (circa 20 musicisti). Questi saranno i componenti di quest’orchestra che sarà diretta proprio da Paolo Olmi, tutta formata da musicisti intorno ai vent’anni. “Gli studenti che formeranno il pubblico si vedranno l’opera, la Madama Butterfly di Puccini, realizzata e proposta da loro coetanei”, rileva il maestro Olmi in conferenza stampa.
 
Continua Olmi: “E’ un’iniziativa che per la sua internazionalità ben può contribuire anche alla candidatura di Ravenna a capitale della cultura 2019”. Le attività nelle scuole partiranno tra pochi giorni. L’invito rivolto agli insegnanti è di coinvolgere gli studenti nei percorsi di apprendimento e conoscenza dell’opera lirica. “Saranno forniti agli insegnanti gli strumenti per essere il più coinvolgenti possibili nei confronti dei loro ragazzi, in base anche ai diversi livelli di età”, spiega l’assessore provinciale all’Istruzione Bruna Baravelli.
 
Il progetto Scoprire l’Opera si pone come obiettivo quello di presentare l'opera lirica agli studenti attraverso due approcci didattici: da un lato il contatto diretto con artisti e maestranze, dall’altro un percorso teorico guidato, mediato dagli insegnanti in classe. La condivisione di momenti di intensa emozione, fondata su una preparazione mirata, permetterà ai giovani di scoprire sia i ‘meccanismi’ di un evento complesso e strutturato di impareggiabile fascino, com’è quello dell’opera lirica, sia la straordinaria attualità dei temi che affronta la «tragedia giapponese» di Giacomo Puccini, la Madama Butterfly, incentrata sul confronto fra due civiltà, orientale e occidentale; l'occidente che si avvicina all'oriente con presunzione basandosi su preconoscenze che sono niente più che un clichè tradizionale, imbevuto della propria superiorità e pensando di poter comprendere a fondo una cultura millenaria.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tuffo in mare si trasforma in tragedia: giovane muore sotto gli occhi degli amici

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • Coronavirus, tre nuovi tamponi positivi. Un'infermiera colpita per la seconda volta dal virus

  • Pauroso schianto all'incrocio sulla via Emilia, un'auto si ribalta: due feriti

  • Apre un nuovo bar-ristorantino a due passi dal Duomo: "Scommetto sul centro, è l'ora del coraggio"

  • Il prof Carlo Flamigni se ne è andato via con una sua poesia sulla morte

Torna su
ForlìToday è in caricamento