"L'abbazia di San Benedetto in Alpe non è accessibile: situazione preoccupante"

"La chiusura permanente dell'edificio crea pregiudizio al suo stato di conservazione, per proteggere il quale sono state recentemente concluse opere di restauro pagate con i pubblici denari", afferma lo storico Massimo Ragazzini

La chiesa di San Benedetto in Alpe "da alcuni mesi non è accessibile". E la situazione, "col trascorrere del tempo, sta diventando sempre più incresciosa e preoccupante". Esordisce così la lettera che lo storico Massimo Ragazzini ha inviato all'ingegnere Antonio Ottavio Ficchì, direttore dell'agenzia del Demanio dell’Emilia-Romagna, al vescovo Lino Pizzi. "Ricostruita agli inizi del XVIII secolo, successivamente al collasso di larga parte del precedente edificio, la chiesa contiene i resti di una delle più antiche abbazie benedettine; l’originario edificio medievale, infatti, non è andato completamente perso e alcune sue parti sono ancora oggi ben visibili", afferma Ragazzini.

"La chiusura permanente dell’edificio crea pregiudizio al suo stato di conservazione, per proteggere il quale sono state recentemente concluse opere di restauro pagate con i pubblici denari - aggiunge -. Inoltre, essendo ormai divenute numerose le persone che, in ogni periodo dell’anno, si recano a San Benedetto per visitare la chiesa, conosciuta e studiata dagli storici, dai letterati e dagli storici dell’arte, la chiusura provoca un rilevante danno alla già precaria economia locale".

"Poiché il paese deve il suo stesso nome alla secolare abbazia, essa costituisce anche un elemento identitario e un patrimonio comune per tutti gli abitanti, a prescindere dagli orientamenti religiosi di ciascuno: l’impossibilità di accedervi sta quindi generando nei sanbenedettini un forte senso di sfiducia nei confronti dei pubblici poteri - conclude lo storico -. Ritengo che le amministrazioni competenti in materia debbano, nell’ambito delle loro possibilità, adottare i provvedimenti idonei per un tempestivo ripristino dell’accessibilità quotidiana alla chiesa".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nella nebbia parcheggia l'auto e si mette a dormire: ma contromano e nella corsia di sorpasso della Tangenziale

  • Continua il tour romagnolo della Dea Bendata: dopo i gratta e vinci ecco il colpo con la Lotteria Italia

  • Assume cocaina, perde la testa e cerca delle scarpe tra le auto: non lo ferma nemmeno lo spray al peperoncino

  • Bel regalo di Natale in anticipo: gratta e vince una bella somma col 46 di Valentino Rossi

  • Postano su Facebook la foto del gatto rubato dal negozio: madre e figlia nei guai

  • Maltempo, le piogge concedono una tregua: superato il picco di piena del Montone

Torna su
ForlìToday è in caricamento