Aeroporto, sindacati ancora in attesa di un incontro: "Impegno per i lavoratori"

Cgil, Cisl e Uil e i sindacati di categoria sono ancora in attesa di incontrare Air Romagna, "per iniziare, come più volte dichiarato da Halcome ma mai concretizzato, un confronto che entri nel vivo e nel merito delle questioni"

La vicenda aeroporto Ridolfi di Forlì continua a tenere banco. Dopo il vertice in comune di venerdì scorso, i sindacati confederali di Forlì intervengono mettendo in evidenza "da un lato i ripetuti annunci di Mr. Robert Halcombe in merito all’imminente apertura dello scalo, dall’altro la mancanza di un progetto di un piano industriale, di un piano commerciale e di un organico funzionale allo svolgimento dell’attività; in pratica un piano strategico/operativo annunciato mai presentato". Cgil, Cisl e Uil  e i sindacati di categoria sono ancora in attesa di incontrare Air Romagna, "per iniziare, come più volte dichiarato da Halcome ma mai concretizzato, un confronto che entri nel vivo e nel merito delle questioni".

"Abbiamo osservato, con attenzione, l’incontro Istituzionale di venerdì dal quale Comune e Regione, ovvero lavoratori e cittadini, si attendevano non gli ennesimi fumosi proclami, ma la presentazione di un dettagliato cronoprogramma finalizzato a fare “decollare” il nostro aeroporto". I sindacati confidano nell’impegno del sindaco e dell’assessore regionale ai Trasporti "a favorire, quando Halcombe tornerà in Italia, un incontro alla presenza delle istituzioni per iniziare finalmente un confronto atto a chiarire, capire e conoscere con quale management interno  o esterno l’imprenditore realizzerà i progetti, sia commerciali che strutturali, come anche sono interessate ad avere la conferma dell’impegno in merito al diritto di precedenza nell’assunzione del personale che lavorava nelle aziende operanti nel sedime aeroportuale".

"In questo contesto ancora pieno di nuvole ed incertezze, i lavoratori chiedono alle istituzioni,  anche come ex proprietari di Seaf (Comune, Provincia, Camera di Commercio e Regione), le quali hanno responsabilità se non dirette, quanto meno politiche, nel fallimento del Ridolfi, di impegnarsi a concretizzare i contenuti e lo spirito del verbale d’incontro sottoscritto in Regione fra tutti i soggetti sopra citati, il 21 maggio 2013, individuando e favorendo opportunità occupazionali anche attraverso percorsi formativi di riqualificazione finalizzate agli ex dipendenti del sedime aeroportuale. In questo momento è quindi necessario che le istituzioni si attivino per rispondere a queste esigenze e alle aspettative dei lavoratori evitando di favorire inutili passerelle che nulla possano aggiungere alla realizzazione di questi obiettivi", concludono i sindacati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nella nebbia parcheggia l'auto e si mette a dormire: ma contromano e nella corsia di sorpasso della Tangenziale

  • Giovane punta un euro al "10 e Lotto" e fa il colpo: "Gli tremavano le gambe dall'emozione"

  • Maxi-studio su 30 anni di cancro in Romagna: quanto ci si ammala e quanto si sopravvive, tumore per tumore

  • Maltempo, le piogge concedono una tregua: superato il picco di piena del Montone

  • L'altra faccia dell'emergenza abitativa, l'odissea del locatore: "Casa sfasciata dopo lo sfratto"

  • Si schianta col Porsche Cayenne di un forlivese e lo abbandona in strada

Torna su
ForlìToday è in caricamento