Aeroporto, 'spedizione' a Venezia per la certificazione: entro marzo si torna volare

"Dopo il 19 di dicembre - spiega a ForliToday Sandro Gasparrini, della società di gestione dell'aeroporto Ridolfi - è stato formalmente costituito il team ispettivo ufficiale che si occuperà di tutte le attività fino alla certificazione definitiva"

Un importante traguardo per l'aeroporto di Forlì è stato raggiunto il 19 dicembre, con l'aggiudicazione definitiva da parte di Enac ad Air Romagna spa. Ora è il momento della certificazione dello  scalo, dopo che la visita ispettiva è stata rimandata a gennaio, mercoledì si riparte con le attività di certificazione, con il primo incontro a Venezia tra i tecnici di Air Romagna spa ed Enac.

“Dopo il 19 di dicembre – spiega a ForliToday Sandro Gasparrini, della società di gestione dell'aeroporto Ridolfi -  è stato formalmente costituito il team ispettivo ufficiale che si occuperà di tutte le attività fino alla certificazione definitiva”. Il punto fondamentale per il raggiungimento dell'obiettivo è lo stato di funzionalità delle attrezzature tecnologiche dello scalo, “che non è mai stato un problema”, chiarisce Gasparrini. Sempre da mercoledì ci si muove anche in una seconda direzione, questa volta con Enac Bologna, per il diritto di Air Romagna spa di entrare materialmente in possesso dello scalo, per le operazioni di restylig previste, subentrando al curatore fallimentare. Per queste due procedure si prevedono tempistiche al massimo di una 40ina di giorni.

“Nel frattempo lavoriamo alla redazione del regolamento di scalo, che prevede la scrittura di tutte le procedure di lavoro – aggiunge Gasparrini – in un vero e proprio disciplinare di comportamento in servizio dei vari addetti”. Terzo obiettivo il ripristino dei servizi  istituzionali aeroportuali: dalla polizia ai vigili del fuoco, per intendersi, dopo quasi due anni di stop. “Questi servizi sono garantiti dallo Stato, ma noi chiediamo, all'interno del Piano nazionale degli aeroporti, che ancora non è legge,  il reinserimento dell'aeroporto di Forlì, tra quelli interesse nazionale, così come era prima della chiusura, e nell'area degli scali strategici, per determinare l'entità di questi servizi istituzionali garantiti”.

Air Romagna si dà come 'dead line' il 27 marzo, “data di apertura della stagione estiva per i voli - conclude Gasparrini – per quella data potremmo essere attivi anche per voli passeggeri”.

Seguiteci su Facebook, cliccate su "Mi Piace":

FB-FT-2

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Allora digli che si torni a casa,...è stato spiegato più volte anche attraverso i link di forlitotady..Il pubblico non va bene il privato non va bene forse era meglio nemmeno provarci così si continuava nella polemica e nei soliti luoghi comuni....indietro così...non si va da nessuna parte....

  • Una domanda ..... Ma perché L americano investe tutti questi soldi a forli ! Come pensa di avere vantaggio economico ? Io non trovo risposta

    • ...non è che l'americano vuole costruire una base per inviare bombe atomiche in giro per il mondo sfruttando vecchi bombardieri in disuso?? Sono veramente preoccupata ahahahahaha! Ma basta con queste domande sciocche...non pensare che gli imprenditori vogliano mettere milioni senza averne ritorno. Se vogliono giocarseli vanno al Casinò non si mettono certo a gestire un aeroporto! Buona vita a tutti...

    • Io so darti la risposta giusta...lui è un multimiliardario imprenditore, tu sei un umile cittadino che si interroga delle capacità altrui su un articolo di forlì today...se vuoi ti faccio anche il disegnino...penso di essere stato chiaro e neanche troppo offensivo (nonostante la tentazione).

    • Un po' di fiducia! Basta fare del pessimismo! Basta con questo disfattismo! Già il fatto che si tratta di privati significa che ci saranno meno sprechi e raccomandazioni rispetto alla disastrosa gestione SEAF. L'Americano non è uno sprovveduto e avrà fatto bene i suoi calcoli: avrà preso in considerazione il bacino di utenza potenziale, i collegamenti con la riviera, le potenzialità turistiche della Romagna, il trasporto merci con alle spalle colossi come l'Apofruit, l'indotto e la possibilità di vendere carburante americano agli aerei che devono far rifornimento...

    • anche se non trovi una risposta.... ma .fattene una ragione!!!!!!!!! ma per quale ragione ti deve scocciare cosi' tanto che uno faccia investimenti a forli ' ???????

    • Lasciamolo fare poi vedremo cosa succede, peggio di prima non può andare.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Agenzia delle Entrate negli ex negozi da 'serie A': 12 vetrine spente che contribuiranno a uccidere il centro

  • Meteo

    Ribaltone meteo, dal caldo al freddo: atteso un sensibile crollo delle temperature

  • Cronaca

    Carabinieri, si è insediato il nuovo comandante di Compagnia: è il maggiore Raffaele Conforti

  • Scuola

    "Progetto Scuole Sicure": Polizia fuori dagli istituti contro lo spaccio di droga

I più letti della settimana

  • MotoGp, Valentino Rossi torna a divertirsi al Galliano Park: e fa il record della pista

  • Presa a pugni mentre fa jogging al Parco Urbano, terrore per una 44enne: individuato l'aggressore

  • Violento nubifragio nell'entroterra: le strade si trasformano in fiumi d'acqua e fango

  • Falciata sulle strisce pedonali da un'auto: è in gravi condizioni

  • Aeroporto, fissata la data della riapertura. La Lega: "Massimo sostegno". Il Pd risponde alle accuse del centrodestra

  • Picchiata mentre fa jogging, cittadino insegue l'aggressore: "Non arrendiamoci alla paura"

Torna su
ForlìToday è in caricamento