Nuovo successo per la Chirurgia forlivese: il dottor Alessandro Cucchetti ottiene l'abilitazione scientifica universitaria di prima fascia

"Si tratta di un importante riconoscimento alla grande attività scientifica portata avanti in questo ospedale", afferma il prof Giorgio Ercolani

L' Unità Operativa di Chirurgia e Terapie Oncologiche Avanzate dell'ospedale di Forlì, diretta dal professor Giorgio Ercolani, si può fregiare da oggi di un altro chirurgo che ha ottenuto l'abilitazione scientifica a professore ordinario (Prima Fascia), il dottor Alessandro Cucchetti. "Sono davvero soddisfatto dei risultati scientifici ottenuti dai miei collaboratori - spiega il professor Ercolani -. Da quando dirigo questa Unità Operativa, sono ben quattro i chirurghi che hanno ottenuto l'abilitazione scientifica a professore universitario: Paolo Morgagni, Davide Cavaliere, Leonardo Solaini e, appunto, il professor Cucchetti. Si tratta di un importante riconoscimento alla grande attività scientifica portata avanti in questo ospedale".

Cucchetti si è laureato in Medicina e Chirurgia e successivamente si è specializzato in Chirurgia Generale all'Università degli Studi di Bologna. Si è formato professionalmente nell'Unità di Chirurgia Generale e dei Trapianti dell'Ospedale S.Orsola  di Bologna fino a luglio del 2017, da quando ha trasferito la sua attività assistenziale all'ospedale "Morgagni-Pierantoni". Dopo essere stato  ricercatore Senior in convenzione, assumerà il ruolo di Professore Associato nel prossimo ottobre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Autore e co-autore di oltre 250 pubblicazioni con impact factor ed indicizzate sui principali database internazionali, è stato relatore, moderatore ed opinion leader in oltre 40 congressi nazionali ed internazionali. Ha un indice di citazione (h-index) di 42, che lo colloca entro i primi 100 ricercatori italiani secondo il sito indipendente "Top Italian Scientist". Il suo campo di ricerca è focalizzato sui tumori del fegato, ambito che lo ha condotto ad essere recentemente convocato dalla European Association for the Study of the Liver (Easl) e dalla prestigiosa rivista scientifica "The Lancet" a comporre una commissione di ricerca con altri prestigiosi epatologi e chirurghi europei. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

  • Dal tampone pre-assunzione scopre di essere positivo al covid-19

  • "Voglio farla finita": poliziotti e operatori sanitari salvano la vita ad un 21enne

Torna su
ForlìToday è in caricamento