Villafranca e San Martino, arriva la piena del Montone. Cittadini avvisati per telefono: "Evitate spostamenti"

E' stato diramato un avviso, diffuso telefonicamente ai cittadini registrati al servizio informativo Alert System, ai cittadini nel quale viene specificato che "a causa dell'esondazione esondazione del fiume Montone si prevede un progressivo allagamento delle zone"

La piena del Montone è arrivata nel tardo pomeriggio di lunedì a Villafranca e San Martino in Villafranca. E' stato diramato un avviso, diffuso telefonicamente ai cittadini registrati al servizio informativo Alert System, ai cittadini nel quale viene specificato che "a causa dell'esondazione esondazione del fiume Montone si prevede un progressivo allagamento delle zone". I cittadini vengono invitati "alla massima attenzione, ad evitare spostamenti e a salire nei piani superiori delle abitazioni. Sacchi di sabbia sono disponibili a Villafranca nel parcheggio della palestra e a San Martino in Villafranca nel piazzale della chiesa".

Sono state chiuse al traffico dalla Polizia Locale dell'Unione dei Comuni della Romagna Forlivese via Lughese, via Tredici Novembre, via Ghibellina (dove sono in azione le idrovore) e il sottopasso di via Zignola, quest'ultimo completamente allagato. La via Lughese è chiusa all'altezza del sottopasso autostradale, invasa dall'acqua. "Si invitano i residenti a prestare la massima attenzione, ad evitare gli spostamenti e a portarsi ai piani superiori", evidenziano dall'amministrazione comunale. Risultano allagate anche le campagne circostanti. La Protezione civile è al lavoro per posizionare sacchetti di sabbia a protezione dell’abitato. In sponda sinistra, verso Faenza, è in via di ultimazione la costruzione di un contro argine.

Scuole chiuse a Villafranca e San Martino Villafranca

Data la situazione di criticità, è stata disposta per martedì la chiusura delle scuole di Villafranca e San Martino Villafranca. "Continuano le verifiche su tutto il nostro territorio che, per ora, non è interessato da altre chiusure - conclude l'amministrazione comunale -. Si ringraziano tutti gli operatori e i volontari che sono impegnati a garantire la sicurezza dei cittadini.Per informazioni e segnalazioni: 0543.712000 centrale operativa".

La prefettura

Nella serata di lunedì, in Prefettura, è stato convocato il Centro Coordinamento Soccorsi (C.C.S.), al quale hanno preso parte tutte le componenti del Sistema di Protezione Civile, per seguire l’evolversi della situazione di criticità sul territorio provinciale. Dalla condivisione delle informazioni è emerso che l"a situazione, per quanto critica, non comporta allo stato attuale pericolo per la incolumità delle persone e risulta, sostanzialmente, sotto controllo, grazie all’impegno sinergico di tutte le componenti della protezione civile, impegnate sin dalla prime ore della giornata".

L’attenzione si è concentrata, poi, sulla situazione del fiume Montone, in particolare, all’altezza dell’abitato di San Martino di Villafranca dove, a seguito del cedimento dell’argine, è stata considerata l’ipotesi di evacuazione della popolazione residente nella zona interessata. Non si registrano particolari disservizi o problematiche da parte dei gestori dei servizi energetici. Registrata anche la riattivazione completa dei tratti della rete ferroviaria che, in mattinata, avevano subito delle criticità. I fenomeni metereologici in corso dovrebbero subire delle attenuazioni a partire dalla mattinata di martedì.

Cosa fare in caso di alluvione

Queste le raccomandanzioni da seguire: "Durante l’alluvione se sei in casa sali ai piani superiori e aspetta l’arrivo dei soccorsi. Se resti ai piani bassi, ricorda che la cantina e il garage sono le prime zone della casa ad allagarsi, anche quando meno te lo aspetti. Usa il telefono solo se necessario: tenere libere le linee è d’aiuto ai soccorsi. Abbandona la casa solo se la minaccia di allagamento è grave. Ma prima: chiudi il rubinetto del gas e stacca la corrente elettrica. Indossa abiti e calzature che ti proteggano dall’acqua". "Se sei all’aperto stai lontano da ponti, fiumi e altri corsi d'acqua; evita anche pendii e scarpate: potrebbero esserci frane in atto; usa l'auto solo se davvero necessario e non percorrere strade già inondate; evita i sottopassaggi: il livello dell’acqua può essere più alto di quanto pensi e puoi rischiare di restare imprigionato dentro il veicolo; e presta attenzione alla segnaletica stradale ed alle indicazioni fornite dalle autorità che gestiscono l’emergenza e coordinano i soccorsi"

Dopo l’alluvione

Dopo l'alluvione "usa l’auto con prudenza: non transitare lungo strade allagate e fai attenzione anche nei tratti dove l’acqua si è ritirata. A casa non usare apparecchiature elettriche prima della verifica di un tecnico. Non utilizzare l’acqua finché non viene dichiarata nuovamente potabile e non consumare alimenti esposti all’inondazione. Pulisci e disinfetta le superfici venute a contatto con l'acqua e il fango".
 

Emergenza maltempo
Il Montone supera la soglia rossa e gli 8 metri d'altezza
Allagamenti in via della Grotta: la paura dei residenti
Con le piogge tracima la diga di Ridracoli
Frane e smottamenti sulle strade provinciali
Circolazione dei treni sospesa per la giornata
Nuova allerta rossa per la giornata di martedì
"In 24 ore tutta la pioggia di maggio"
Scuole chiuse in due frazioni


I VIDEO
Il fiume Montone in piena a Schiavonia
Finisce sott'acqua la pista ciclo-pedonale del Montone
Si rompe l'argine sotto il ponte dell'A14
La cascata della diga di Ridracoli
Via della Grotta: i cittadini tremano per le loro case
La piena eccezionale del Montone: 7,71 metri
Montone, il punto della passerella completamente sommersa
Allagamenti al Parco Urbano a ridosso dell'argine
Acqua in strada in via Lughese

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strade di sangue, ancora una tragedia: drammatico schianto sulla via Emilia, un morto

  • Identificato il ciclista forlivese travolto ed ucciso da un suv. Gli amici: "Pedala in cielo"

  • Un bagliore visibile a chilometri di distanza: incendio in un'azienda

  • Tira dritto alla rotonda della Tangenziale, si ribalta e distrugge l'auto: vivo per miracolo grazie alle cinture

  • Ruba il bancomat alle colleghe di lavoro, paga aperitivi e fa prelievi: incastrato dalla Polizia

  • Dopo l'esplosione al bancomat, pioggia di colpi sui carabinieri: proiettile colpisce l'auto di pattuglia

Torna su
ForlìToday è in caricamento