"Animalier", incetta di premi alla Biennale nazionale di Arte orafa del Liceo Artistico

Primo classificato Nicolas Bittini, che ha vinto una borsa lavoro stage in una bottega artigiana

Nel contesto della mostra dell’artigianato artistico abruzzese, una delle più longeve in Italia, si è conclusa la 18esima edizione del Concorso Biennale Nazionale di Arte Orafa “Nicola da Guardiagrele”, dedicato al maestro abruzzese del XV secolo. In questa biennale sono previste due categorie: una per i maestri orafi e una per le scuole. A sorpresa, tutti i principali premi sono stati assegnati ai gioielli ideati e prodotti dagli studenti del Liceo Artistico di Forlì, che hanno intrapreso un percorso di sperimentazione creativa sul tema "Animalier": primo classificato Nicolas Bittini, che ha vinto una borsa lavoro stage in una bottega artigiana.

Proviene dal liceo di Forlì anche il manufatto vincitore del secondo premio Targa d'Argento del Comune di Guardiagrele che è stato assegnato a Serena Tonini. Il Bolognino grande d'Argento dell'Ente Mostra dell'Artigianato Artistico Abruzzese è stato assegnato all'alunna Chiara Malmesi Daveti dello stesso liceo di Forlì. La Commissione giudicatrice, composta da storici dell’arte, designer e manager, nelle motivazioni che hanno portato all’assegnazione dei premi hanno sottolineato l’alto valore della ricerca formale, la sapiente citazione, la realizzazione accurata e il forte impatto creativo. Visto il successo delle opere forlivesi, la Commissione ha dichiarato: “Come giuria abbiamo deciso di assegnare una menzione speciale al Liceo Artistico e Musicale della provincia romagnola per la capacità del corpo docente di coordinare in modo produttivo la creatività degli allievi”.

Con i docenti si è complimentato l’ex Dirigente scolastico reggente Fabio Gramellini, esprimendo i personali complimenti per i risultati raggiunti e sollecitando “alunni e insegnanti a continuare nell’attività di scoperta e valorizzazione dell’arte orafa e della sua innovazione”. La dirigente scolastica della scuola Electra Stamboulis ha voluto sottolineare, oltre allo straordinario risultato, "l’importanza di connettere sapienza artigiana e visione artistica nella formazione artistica specialistica. L’indirizzo di Design orafo, che costituisce il cuore della scuola, l’origine della sua storia. Si tratta di un indirizzo che costituisce un unicum a livello regionale e la competenza dei suoi docenti, e quindi anche degli studenti, è emersa anche in questa occasione”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La triste fine di una grande azienda del forlivese: dichiarato il fallimento dopo oltre 50 anni

  • Un bagliore visibile a chilometri di distanza: incendio in un'azienda

  • Storica gioielleria chiude dopo 73 anni, tre generazioni si sono susseguite dietro al banco

  • Sfilata in intimo contro i pregiudizi: in Piazza Duomo a Milano anche la forlivese Giulia Gambini

  • Festa di compleanno al ristorante con rissa finale e tavoli ribaltati tra due invitati

  • Terzo lotto della Tangenziale, partita la procedura per i 70 espropri di pubblica utilità

Torna su
ForlìToday è in caricamento