Apollo, i Verdi: "Intervenga la Soprintendenza". Pri: "La struttura deve restare"

"Ci auguriamo che la Soprintendenza , tenendo conto di quanto prevede espressamente l'art. 8 della legge sul Cinema, la 220 del 2016, sottoponga immediatamente a vincolo "per interesse culturale molto importante"

La stragrande maggioranza dei cittadini vuole che l'ultimo cinema rimasto in città e sfuggito alla speculazione generosamente favorita dalle amministrazioni che si sono susseguite venga conservato perchè è un pezzo della loro identità e della loro memoria. Gli altri cinema scomparsi sono l'altra sala dell'Apollo, l'Esperia, il Mazzini, l'Odeon. Resta solo L'Apollo. L'altra sala dell'Apollo è stata trasformata in negozio e uffici recentemente, manomettendo il precedente edificio per consentire un investimento immobiliare.

La decisione di consentire che il Cinema Apollo potesse diventare altro, centro commerciale, residenza, uffici o qualcun'altra delle decine di destinazioni d'uso consentite non era conosciuta nè dai consiglieri comunali nè dai membri di giunta. Infatti nella convocazione della commissione consiliare del 30 novembr , 5 giorni prima del consiglio  non sono allegati né la delibera né le carte e le osservazioni e tutto il resto che componeva le oltre 600 pagine del provvedimento. Le illustrazioni fatte in Commissione e in Giunta sono state assolutamente sommarie e generiche, nessuno ha spiegato l'affare Apollo.  L'affare è stato combinato in assoluta assenza di trasparenza e con una procedura da furbetti  la delibera riguardava infatti "il Regolamento urbanistico ed edilizio dell'Unione dei Comuni" e quindi di tutti e 15 i comuni del forlivese, si trattava di regole, articoli, commi, definizioni, distanze e simili.

Però alcuni bene informati nei 60  giorni dalla pubblicazione della delibera di adozione hanno invece  presentato osservazioni alla cartografia che nulla aveva a che fare con gli articoli, commi, definizioni, distanze e simili, proponendo cambi di destinazione d'uso, ampliamenti, varianti urbanistiche ecc. variamente motivate. Fra questi anche quella dell'Apollo il cui nome non si fa in nessuna delle 600 pagine: solo chi conosce bene le cartografie e le simbologie di piano regolatore può comprendere di cosa si tratti.

Se la proposta fosse stata pubblicata fin dall'inizio immagino che le centinaia di cittadini che ora protestano avrebbero presentato loro delle osservazioni per manifestare la loro contrarietà alla trasformazione e alla perdita dell'ultimo cinema e all'impoverimento culturale della città. Ma l'operazione doveva passare sotto silenzio, meglio non fare sapere. Questa la ragione della modalità di approvazione adottata, portando la variante direttamente alla approvazione, tenendo tutti all'oscuro, magari mostrando velocemente qualche generica slide che parlava di come si è semplificata la vita dei tecnici con il nuovo monumentale regolamento, purtroppo sterminato e incomprensibile. Alla faccia della semplificazione. 

L'assessora dice che l'accoglimento della richiesta di variante era dovuto: nulla di più falso. Lo spieghi a quelle decine di persone che come per l'Apollo hanno presentato domanda e che hanno invece ricevuto un diniego. Nei suoi goffi tentativi di cercare di discolparsi ci racconta che l'edificio potrà essere solo restaurato e che le colonne resteranno. E chi se ne frega delle modalità di intervento, anche se sul modo in cui si autorizzano i restauri a Forlì c'è molto da discutere. Si pensi all'ex cassa dei risparmi sventrata letteralmente per farci Eataly dentro o l'ex Gil che ha visto cementare addirittura la piscina interna. Ai forlivesi interessa che venga conservato un cinema teatro. Al Comune, semmai, il compito di favorire la sua rimessa in funzione, il sostegno nella ricerca di finanziamenti, la individuazione di modalità di una gestione che ne consenta una fruizione come cinema teatro.

Per questo ci auguriamo che la Soprintendenza , tenendo conto di quanto prevede espressamente l'art. 8 della legge sul Cinema, la 220 del 2016, sottoponga immediatamente a vincolo "per interesse culturale molto importante di cui all'art.10, comma 3, lettera d9 del codice dei BBCC" il cinema Apollo di Forlì. Inutile chiedersi  perchè una tale richiesta non l' abbia fatta lo stesso Comune di Forlì, dal momento che il comma 2 del medesimo articolo 8 stabilisce che "... i comuni concorrono nel conseguimento delle finalità del presente articolo " il cui titolo è Valorizzazione delle sale cinematografiche.

Verdi Forlì-Cesena

------

Se il rilancio del centro storico di Forlì deve nascere dalla trasformazione “selvaggia” dell’ex cinema-teatro Apollo, allora, siamo proprio al tragicomico, alla triste rassegnazione di una città sempre più priva di una sua identità storica e culturale. L’autorizzazione del Comune a trasformare l’ex Apollo in centro commerciale  .residenziale...parcheggio... è l’ennesimo schiaffo ai cittadini e l’ennesima “figuraccia” di una Giunta che sopravvive con provvedimenti improvvisati ed estemporanei, di “corto respiro”, che nulla hanno a che vedere con un quadro generale di seria progettazione urbanistica. Il centro storico di Forlì meriterebbe ben altro: sala-convegni, teatro per ragazzi, una pinacoteca di arte moderna…altro che una piccola e poco visibile “Punta di ferro”!  Il buon Apollo, dio protettore delle arti, ne rimarrebbe inorridito e lancerebbe i suoi anatemi su Forlì. L’Iliade insegna         

 La Consociazione forlivese del PRI

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La neve arriva copiosa anche a Forlì: "Per il momento non è prevista la chiusura delle scuole"

  • Sport

    Forlì, ma cosa hai fatto? Rimonta fantastica dell'Unieuro, Udine stesa 88-82

  • Sport

    L'Unieuro ribalta Udine, coach Valli: "Abbiamo vinto una partita da film"

  • Sport

    Il Forlì vede la luce in fondo al tunnel: super Del Sante, stesa la Jesina

I più letti della settimana

  • Auto piomba contro la scolaresca e ferisce bimbi e maestra: "Salvi, grazie Santa Lucia"

  • Sciagura a Meldola: si lancia dal Ponte dei Veneziani e perde la vita

  • I colleghi non lo vedono al lavoro e danno l'allarme: trovato morto in casa

  • Allerta neve in Romagna, i possibili quantitativi. Forlì potrebbe svegliarsi imbiancata

  • Rogo, evacuato per una notte il condominio. Straniero di passaggio soccorre gli anziani

  • Meteo, ultime ore di sole. Neve e pioggia in arrivo: ecco dove sono attesi i fiocchi

Torna su
ForlìToday è in caricamento