In Italia aveva aggiunto una 'i' al cognome: con la vera identità era ricercato per una rapina

Muhamed Metalar, 36 anni, è stato individuato e bloccato dagli agenti della Squadra Mobile di Forlì nel corso di un servizio di controllo svolto nel tardo pomeriggio di martedì nei pressi del centro del capoluogo mercuriale.

Era ricercato in tutt'Europa perchè colpito da un provvedimento d'arresto provvisorio ai fini dell'estrazione emesso nell'agosto del 2011 da un tribunale macedone per un rapina commessa nel suo paese d'origine. Muhamed Metalar, 36 anni, è stato individuato e bloccato dagli agenti della Squadra Mobile di Forlì nel corso di un servizio di controllo svolto nel tardo pomeriggio di lunedì nei pressi del centro del capoluogo mercuriale.

L'individuo era sbarcato in Italia nel 2003 insieme ad altri profughi, ma la richiesta d'asilo politica venne respinta. Tuttavia non ha lasciato il Belpaese, cambiando il cognome in Metalari. Con la nuova identità si è reso protagonista di una serie di reati: il primo nel 2006, quando finì nei guai per aver investito con un motorino un bambino di nazionalità cinese, consegnandosi alle forze dell'ordine dopo una temporanea fuga.

Nel 2007 venne condannato con la condizionale per una serie di furti, mentre nel 2010 ha aggiunto nel suo curriculum il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Recentemente era stato controllato dal personale delle Volanti della Questura e trovato con mezzo grammo di eroina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attraverso la comparazione delle impronte digitali inviate dagli inquirenti macedone, la Squadra Mobile ha potuto appurare che Metalar e Metalari erano la stessa persona. Ora si trova in carcere a Forlì a disposizione della Corte d'Appello di Bologna in attesa dell'estradizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • Pauroso schianto all'incrocio sulla via Emilia, un'auto si ribalta: due feriti

  • Coronavirus, tre nuovi tamponi positivi. Un'infermiera colpita per la seconda volta dal virus

  • "Grotte urlanti", turisti allontanati dall'Arma: trovate anche corde per scalare le rocce

  • Apre un nuovo bar-ristorantino a due passi dal Duomo: "Scommetto sul centro, è l'ora del coraggio"

  • Sfuriata ventosa in serata: crollano diversi alberi, serie di interventi dei Vigili del Fuoco

Torna su
ForlìToday è in caricamento