Atleta disabile insultato, l'Unione Italiana dei Ciechi: "I danni dell’ignoranza e del pregiudizio"

La Sezione di Forlì-Cesena dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti esprime massima solidarietà a Loris e la propria ferma condanna per questo episodio d’inciviltà e discriminazione.

Sostenuto e incoraggiato da tutti, sindaci, istituzioni pubbliche e privati cittadini, dopo l’incredibile episodio discriminatorio di cui è stato vittima domenica scorsa a Lugo, al termine della gara “Sulle Ali di Baracca”, Loris Natale Cappanna, incassa anche la solidarietà dell’Unione Italiana ciechi e ipovedenti di Forlì-Cesena. Quello che più amareggia è l’offesa gratuita rivolta al pluricampione disabile. Al ritorno dalla corsa, dieci chilometri disputati fra pioggia, vento e gelo, Loris e il suo accompagnatore hanno trovato la loro auto (che era parcheggiata in uno degli spazi riservati alle persone con disabilità, contrassegnati dalle righe gialle) col tergicristallo posteriore rotto e un biglietto fissato a quello anteriore, che recitava così: “Un disabile purtroppo non può correre, tu invece corri. Buona disabilità sporco forlivese”.

“I disabili visivi ma anche gli altri disabili – si legge nel comunicato diffuso dall’Uici provinciale capitanata da Fabio Strada – non sono nuovi ad episodi e atteggiamenti di grettezza che umiliano e feriscono, ma questo in particolare spicca per la sua offensività”. Oltre ad esprimere la vicinanza al campione, Strada e C. colgono l’occasione per riflettere un poco sui pregiudizi che ci stanno dietro. “Pensiamo che sia importante farlo - continua la nota - perché questi atteggiamenti appartengono un po’ all’intera cultura della nostra società. Anche le persone che non farebbero mai gesti così gretti e arroganti, in realtà non ne sono esenti”. Sempre a detta dell’Uici Forlì-Cesena, il biglietto lasciato sul parabrezza dell’auto di Loris la dice lunga riguardo a certi pregiudizi: secondo il suo autore, un disabile non può correre, pertanto non gli è possibile praticare attività sportive e in generale integrarsi appieno nella vita sociale. “Perciò, secondo questo signore (sic!), se una persona partecipa a una maratona, vuol dire che è un finto disabile”.

“Vorremmo approfittare di questo episodio – interviene anche il consigliere provinciale Uici Daniele Mordenti - per informare tutte le persone che la pensano come questo sprovveduto autore del biglietto e del pregiudizio, che i disabili possono fare sport, così come molte altre attività ricreative, culturali e professionali. I non vedenti possono correre a livello agonistico insieme a un accompagnatore che corre accanto a loro, legati con una cordicella al polso. Questi pregiudizi errati purtroppo non sono solo appannaggio delle persone grette e arroganti, ma riguardano un po’ tutti, come è emerso anche nelle campagne degli anni scorsi contro i falsi invalidi. Questa convinzione diffusa secondo cui un disabile, e nella fattispecie un disabile visivo, sia impossibilitato a condurre una vita normale, è molto dannosa, perché perpetua la visione dei disabili come persone non autosufficienti, che non possono condurre una vita attiva e soddisfacente, in definitiva persone solo da assistere, condannate a una vita infelice. Questa visione mantiene ed amplifica il pietismo, così come la diffidenza per quei disabili che invece conducono una vita attiva e autonoma”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’Unione Italiana ciechi e ipovedenti di Forlì-Cesena conclude la nota, augurandosi che “questo brutto episodio si traduca in una opportunità di crescita verso una mentalità più aperta e una visione della disabilità e della cecità più rispettose della realtà, oltre che delle persone. Questo è anche l’obiettivo che noi, come Sezione Uici, perseguiamo nelle nostre attività”. Il finale del comunicato contiene anche un auspicio prettamente sportivo: “Vorremmo aggiungere che, nonostante i campanilismi facciano colore e siano un ingrediente quasi immancabile specialmente nelle competizioni sportive, sarebbe forse anche ora di mettere un po’ da parte le rivalità fra forlivesi, lughesi, ravennati, riminesi e quant’altro, per guardare al mondo con un po’ più di apertura e curiosità invece di attaccarsi al proprio orticello. Magari non c’entrerà niente con la disabilità, ma c’entra comunque con gli atteggiamenti di chiusura, di cui il pregiudizio verso la disabilità è un aspetto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia: la giornata al fiume finisce in tragedia, muore una ragazza

  • Il tuffo in mare si trasforma in tragedia: giovane muore sotto gli occhi degli amici

  • Auto si schianta contro un camion: due feriti gravi, 16enne in terapia intensiva

  • Covid-19, tornano ad aumentare i casi attivi: a Forlì due nelle ultime 24 ore

  • Scuole: ragioneria raddoppia le prime, lo Scientifico con una succursale. "Didattica a distanza a rotazione"

  • Doveva chiudere e invece rilancia: in via Balzella arriva una nuova catena non presente a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento