Scorribande notturne tra Forlì e Cesena: la Polizia smascherara la baby gang in azione

Sono da identificare i potenziali proprietari delle biciclette in sequestro: chiunque ne riconoscesse una come propria può chiederne la restituzione alla Questura

Baby gang smascherata dalla Polizia. I poliziotti di Forlì hanno denunciato alla magistratura un nutrito gruppo di giovani e giovanissimi, residenti in città, di estrazione mista (italiani e immigrati di seconda generazione) in relazione a un episodio di furto aggravato all’interno dell’abitacolo di un veicolo parcheggiato in via Comandini, in zona cimitero monumentale, accertato nella notte tra mercoledì e giovedì.

Si tratta di ragazzi già resisi protagonisti di altri episodi di recente e che nella notte tra mercoledì e giovedì sono stati individuati da una volante dell’ufficio prevenzione generale della Questura dedicata al pattugliamento notturno per il contrasto di reati predatori, danneggiamenti di veicoli e vandalismi, anche alla luce di analoghi episodi recentemente accertati non solo a Forlì, ma anche a Cesena nelle aree limitrofe alle stazioni ferroviarie. Trattandosi di un gruppetto che si sposta velocemente tramite mezzi di trasporto pubblici, sono in corso verifiche allo scopo di accertare se anche gli episodi di Cesena possano essere ricondotti alla loro responsabilità.

Secondo la ricostruzione, i ragazzi avevano trascorso la serata girovagando in centro in occasione della serata dedicata al “Mercoledì del Cuore”; poi, a notte inoltrata, a bordo di alcune biciclette sarebbe iniziata la loro scorribanda, che è stata interrotta dall’attento servizio posto in essere dalla volante. Gli agenti, infatti, transitando in via Solombrini, si sono accorti dell’insolita presenza di alcune sagome a qualche decina di metri più avanti, in una traversa poco illuminata, pertanto hanno deciso di intervenire per verificare cosa stesse accadendo. All’arrivo della “pantera” qualcuno è riuscito a sfuggire al controllo, inforcando la bicicletta o scappando a piedi dileguandosi nel buio. Due di loro invece sono stati immediatamente catturati. Gli agenti hano subito verificato che vicino c’era un’auto aperta con l’abitacolo rovistato: è stato rintracciato il proprietario, un forlivese residente nei paraggi, che ha verificato che mancava del denaro in monete; evidentemente l’arrivo della Polizia ha evitato che il reato venisse portato a peggiori conseguenze. Comunque, quanto basta per contestare il furto consumato e procedere all’arresto nella flagranza.

I poliziotti hanno poi battuto la zona per rintracciare i fuggitivi, arrivando alla fine a identificare altri quattro complici. Sul luogo dei fatti sono state ritrovate e sequestrate quattro biciclette, abbandonate dai ragazzi e secondo gli inquirenti sottratte durante la serata del Mercoledì del Cuore oppure prelevate da qualche garage o cortile condominiale. L’arresto è stato convalidato e l’udienza conclusiva del processo rinviata a data successiva. Sono da identificare i potenziali proprietari delle biciclette in sequestro: chiunque ne riconoscesse una come propria può chiederne la restituzione alla Questura, dove sono in giacenza in attesa della definizione delle indagini.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strade di sangue, ancora una tragedia: drammatico schianto sulla via Emilia, un morto

  • Identificato il ciclista forlivese travolto ed ucciso da un suv. Gli amici: "Pedala in cielo"

  • Tira dritto alla rotonda della Tangenziale, si ribalta e distrugge l'auto: vivo per miracolo grazie alle cinture

  • Ruba il bancomat alle colleghe di lavoro, paga aperitivi e fa prelievi: incastrato dalla Polizia

  • Dopo l'esplosione al bancomat, pioggia di colpi sui carabinieri: proiettile colpisce l'auto di pattuglia

  • Spese pazze dopo l'assalto alla sala slot: presi a Forlì dopo il colpo da 30mila euro

Torna su
ForlìToday è in caricamento