Bullismo, droga e promozioni facili? L'Enaip replica all'attacco di Pompignoli

Bullismo, intolleranze, spaccio e promozioni facili. L'Enaip non ci sta e replica a Pompignoli: "Venga a visitare la nostra scuola: una realtà che investe energie, impegno e risorse"

L’Enaip di Forlì non ci sta e risponde immediatamente alle parole del consigliere della Lega Nord, Massimiliano Pompignoli, che in un’interrogazione aveva attaccato uno degli enti di formazione professionale più importanti di tutta la regione, che ogni anno porta a qualifica decine di studenti inserendoli così nel mondo del lavoro per quanto riguarda il settore elettrico, elettronico e termoidraulico. Pompignoli avrebbe ricevuto “diverse segnalazioni” che indicavano l’Enaip come luogo di “episodi di bullismo, intolleranza razziale e religiosa, spaccio di sostanze stupefacenti e boicottaggio delle lezioni”.

In una replica, firmata dalla Presidentessa Margherita Collareta, la Fondazione Enaip vuole sottolineare come “al pari di tutte le istituzioni formative, deve affrontare quotidianamente i problemi e le difficoltà che gli adolescenti pongono agli educatori impegnati a perseguire il loro mandato, sintetizzabile in “educare uomini, cittadini, lavoratori”. Per far fronte a questa situazione EnAIP Forlì-Cesena ha in atto una serie di interventi  volti non solo ad arginare comportamenti inadeguati e borderline, ma soprattutto a ricondurli entro la cornice della quotidiana azione educativa. Conseguentemente ogni qualvolta si sono verificati,o anche solo sospettati, comportamenti inadeguati e intollerabili, sono stati assunti, prontamente, i necessari provvedimenti, anche con il coinvolgimento delle istituzioni  preposte a tali compiti ivi comprese le forze dell’ordine”.

“Costante e, quando necessario tempestiva, infatti,  è la collaborazione con le forze dell’ordine, con i servizi del territorio per la prevenzione delle dipendenze e di ogni altro atteggiamento scorretto.  Proprio in virtù di una sensibilità e un’attenzione costante ai temi educativi, è attualmente in corso una specifica formazione del personale volta a potenziare le competenze relazionali, la gestione dei casi difficili, l’aggressività e l’intolleranza” prosegue la nota firmata dalla presidentessa Collareta.

L’esponente della Lega Nord aveva anche parlato di “promozioni facili” e su questo tema Enaip vuole sottolineare come questo non sia vero, e lo “si evince dalle statistiche dei promossi in relazione alla media regionale. Prova della qualità del titolo professionale rilasciato è il fatto che , al momento dello stage, numerose aziende chiedono gli allievi di EnAIP i quali, nella maggioranza dei casi, concludono l’esperienza con valutazioni aziendali lusinghiere”.

“Tant’è che nell’ultima sessione di esami del giugno scorso, per le qualifiche erogate, i commissari esterni, esperti incaricati dalla Regione, dopo aver esaminato i ragazzi nelle giornate di prova, hanno confermato i giudizi presentati dai formatori interni, comportamento non scontato. Il consigliere Pompignoli – si conclude la nota della Fondazione Enaip - può venire in qualsiasi momento a visitare l’Ente, sarà gradito ospite. Potrà vedere dal vivo una realtà che, a fronte dell’emergenza educativa di cui si è smesso di parlare, continua ad investire energie, impegno, risorse”.

ANCHE I DOCENTI NON CI STANNO
Anche l'intero corpo dei docenti e dei coordinatori dell'ente ha voluto replicare al consigliere della Lega Nord, e lo fa con una lettera aperta indirizzata non solo a Pompignoli, ma a tutti coloro che vogliono venire a conoscere la realtà Enaip. "Benvenuti nel mondo degli adolescenti! Ora ci date la possibilità di raccontare quello che succede per davvero. Chi è veramente interessato ai giovani di oggi e a quelli che fanno più fatica? Chiunque lo fosse, sarebbe sicuramente venuto a trovarci e a farci delle domande “dirette” su come ci siamo organizzati per accompagnare i nostri allievi a diventare adulti: accoglienza, condivisione e formazione sono i nostri punti cardine. E’ evidente - dice l'intero corpo docenti - che chi ha provato ad attaccare l’Enaip ha altri interessi e non ha a cuore quello dei nostri ragazzi, ma li vuole utilizzare per proprie mire politiche, che nulla hanno a che fare con l’interesse per le nuove generazioni. Le generalizzazioni non valgono né per la scuola né per la società".

"Furti, bullismo, intolleranze di ogni genere e uso di sostanze stupefacenti sono piaghe della società odierna e qui ad Enaip tali problemi sono affrontati, da sempre, con azioni di prevenzione, tutela e collaborazione con le forze dell’ordine e gli enti preposti del territorio. Da sempre abbiamo avuto un occhio di riguardo verso gli studenti ed i loro comportamenti e, nei casi più gravi, i consigli di classe hanno valutato e valutano provvedimenti disciplinari. Le citate “aggressioni verbali” agli autisti dei tram sono una triste testimonianza di pochi utenti, immediatamente redarguiti e rientrati in comportamenti adeguati, a seguito di interventi correttivi e di contatti presi con gli stessi interessati del trasporto pubblico".

"Sui casi difficili - dicono docenti e coordinatori - gli insegnanti e i coordinatori dell’ente sono da sempre disponibili ad ascoltare le problematiche dei ragazzi e delle famiglie più in difficoltà, in certi casi anche grazie ad azioni di tutoraggio, accompagnamento e riallineamento didattico atti a prevenire la dispersione scolastica e l’abbandono. La preparazione dei ragazzi al mondo del lavoro è la nostra missione. Le nostre qualifiche vengono rilasciate a seguito di un esame sostenuto ai sensi del Dgr 739/2013 all’interno dell’ordinamento IeFP e quindi identico a quello sostenuto negli istituti professionali di stato. La commissione di tali esami è composta prevalentemente da commissari ed esperti del settore esterni all’ente, che nella quasi totalità dei casi confermano le valutazioni espresse dai docenti interni".


"Svolgiamo il nostro lavoro con il massimo impegno e la massima professionalità. Siamo consapevoli che le insinuazioni mosse dal consigliere regionale della Lega Nord, Massimiliano Pompignoli, possano minare la fiducia che da sempre le famiglie hanno nei confronti del nostro Ente. Per questo scegliamo di rispondere alle sue parole con fatti concreti, invitando il consigliere e chiunque sia interessato, a venirci a trovare durante l’orario scolastico per verificare come realmente si svolgono le lezioni nella nostra scuola".

Il Direttore: Ermes Francisconi
I formatori/coordinatori: Casarotto Franco, Sansoni Alessandro, Mazzocoli Mattia, Sedioli Marco, Lensi Matteo, Graziani Matteo, Barzanti Max, Racci Riccardo, Padovani Alessandro, Petrini Monica, Grandi Florinda, Venturi Emanuela

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cacciatore ferito da spari durante una battuta di caccia: soccorso in gravi condizioni

  • Colpisce due auto e poi si cappotta nel fosso: pauroso incidente

  • Stormi di migliaia di uccelli volteggianti sulla città, frastuono sugli alberi: la spiegazione del fenomeno

  • Altro colpo al commercio in centro: due chiusure a pochi metri nel cuore dello shopping

  • Falegname e pizzaiolo nei weekend, apre una pizzeria tutta sua: "Vetrina che si riaccende in centro"

  • L'allarme suona, nella borsa spunta un portafogli rubato: "Potrebbe essere stato nostro figlio"

Torna su
ForlìToday è in caricamento