Caccia allo storno, la Regione: "D'accordo con Bulbi, ma sollecitare il governo"

“Sulla caccia allo storno sono assolutamente d'accordo con il presidente della Provincia di Forlì-Cesena Massimo Bulbi”. L’assessore regionale all’Agricoltura, Tiberio Rabboni, risponde alle sollecitazioni avanzate da Bulbi

“Sulla caccia allo storno sono assolutamente d'accordo con il presidente della Provincia di Forlì-Cesena Massimo Bulbi”. L’assessore regionale all’Agricoltura, Tiberio Rabboni, risponde alle sollecitazioni avanzate da Bulbi a proposito della caccia allo storno.

 

“Alla fine dello scorso luglio – siega Rabboni -, insieme a tutte le associazioni venatorie ed agricole regionali, ho inviato al Governo e all'ISpra la formale richiesta di un indirizzo nazionale sulle cacce in deroga coerente con i dati di buona conservazione della specie storno in Italia che la stessa Ispra ha recentemente documentato ai Ministeri e all'Ue”. 

 

“E ciò per uscire dal doppio paradosso in cui ci troviamo – ricorda Rabboni -: l'Ispra la considera una specie di fatto cacciabile ma ci nega le deroghe praticate negli ultimi anni, così come ci nega la deroga per le piccole quantità. Il parere negativo dell'Ispra ci espone all'infrazione europea e al taglio dei fondi destinati a cittadini ed imprese. In presenza di un intervento siffatto modificheremo immediatamente la delibera di fine luglio per adeguarla ai nuovi contenuti. Purtroppo ad oggi non abbiamo avuto alcuna risposta. Per questo bisogna insistere. Noi insisteremo”

 

“Chiedo però – ha aggiunto l’assessore Rabboni -  a tutte le Province e alle associazioni venatorie ed agricole provinciali di fare altrettanto. In assemblea legislativa regionale i consiglieri Mario Mazzotti e Tiziano Alessandrini hanno presentato una risoluzione in questo senso. Essa puo' essere ripresa ed adottata anche da altri soggetti e trasmessa ai Ministeri e ad Ispra. Solo con una pressione straordinaria e univocamente indirizzata al Governo che ha la responsabilità e l'obbligo di formulare indirizzi nazionali per le cacce in deroga si potra' uscire da una situazione assurda ed incomprensibile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

  • Coronavirus, il presidente Bonaccini: "Stiamo valutando la chiusura di asili nido, scuole, impianti sportivi e musei"

Torna su
ForlìToday è in caricamento