homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Trova 96 banconote da 100mila lire, ma Bankitalia blocca il cambio: 104enne presenta ricorso

L'anziana ha deciso di presentare lo scorso gennaio al giudice di pace di Forlì un decreto ingiuntivo, tramite l'associazione, contro la Banca d'Italia per riottenere l'equivalente in euro dei suoi risparmi

Si è ritrovata con un tesoretto di 96 banconote da 100mila lire. Ma rischia di rimanere a mani vuote. Il tutto a causa di un cavillo burocratico. E' la storia di Tommasina M., una 104enne originaria di Cagliari, ma residente a Forlì, che si è rivolta tramite la figlia all'ufficio legale dell'Associazione Agitalia per presentare una diffida alla Banca d'Italia. Tutto ha avuto inizio lo scorso settembre, quando la donna ha rinvenuto all’interno di una vecchia libreria di famiglia, oltre ad alcune vecchie foto, la consistente somma di denaro in lire.

Stupore e contentezza per Tommasina e la figlia, che si sono accorte di avere un tesoretto di 9.400.000 delle vecchie lire. Alla felicità è però seguita l’amarezza quando allo sportello Bankitalia è stato loro riferito che il cambio in euro non è era più possibile. "Se è vero infatti che era stato stabilito un termine decennale (2002-2012) per il cambio delle lire in euro - spiega l'associazione - è altrettanto vero, come sostiene ampiamente la Giurisprudenza, che qualsiasi termine di prescrizione o decadenza decorre da quando il soggetto è posto in grado di far valere il proprio diritto, quindi nei casi in esame i dieci anni per il cambio lire/euro decorrono dal giorno del ritrovamento delle somme in lire.

Mentre alcuni cittadini in tutt'Italia, in casi praticamente identici, avevano sollevato l’illegittimità costituzionale del decreto Monti che aveva sancito l’immediata decadenza del cambio della lira in euro, la Corte Costituzionale ha deciso dal 5 novembre scorso di riaprire per i successivi 3 mesi (quelli sottratti dalla manovra) i termini per avere il corrispettivo del vecchio conio, in caso di somme in lire ancora in circolazione e seppur sempre al vaglio della Banca d’Italia. Ma lo scorso dicembre, per la donna, un'altra doccia amara con la ricezione negli uffici di Agitalia della lettera di Bankitalia. E così l’anziana ha deciso di presentare lo scorso gennaio al giudice di pace di Forlì un decreto ingiuntivo, tramite l’associazione, contro la Banca d’Italia per riottenere l’equivalente in euro dei suoi risparmi.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • E poi condivido il commento di marilyn. Banca Etruria o cassa di risparmio di Ferrara o tutte le altre banche andate a quel paese contano di più? Ma per le suddette banche interviene lo stato - quindi noi tutti - a coprire le magagne.

  • Sarebbero stati altrettanto validi i termini di prescrizione se la banca d'Italia - o qualsiasi altra banca - questi soldi avesse dovuto averli anziché doverli dare? E sempre il solito discorso dei pesi e delle misure diversi a seconda del tornaconto!!!!

  • se bankitalia avesse avuto lo stesso pugno duro anche con qualche banca probabilmente molti risparmiatori avrebbero ancora i propri risparmi

  • Trova, significa che non sapeva nemmeno di avere. E allora che continui la sua vita, non contando su ciò.

  • energica la 104enne

    • Si figurati. Forse nipoti e nipoti. A spartirsi la somma.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tragedia sui campi: 57enne muore schiacciato dalla mietitrebbia

  • Cronaca

    Festa Artusiana, tutto il programma di domenica e lunedì

  • Cronaca

    Piero della Francesca chiude con 115mila visitatori. Ed ora sotto con l'Art Decò

  • Incidenti stradali

    Schianto auto-moto all'incrocio: scooterista finisce grave all'ospedale

I più letti della settimana

  • Tragedia sui campi: 57enne muore schiacciato dalla mietitrebbia

  • Seduta su una panchina: ritrovata la 72enne scomparsa da martedì

  • Daniele Cantagalli e Fulvio Mazzotti: ancora senza esito le ricerche dei due forlivesi scomparsi

  • Schianto auto-moto all'incrocio: scooterista finisce grave all'ospedale

  • Continuano le ricerche di Fulvio Mazzotti: "Avvistato nei dintorni di Cesenatico"

  • In vendita Villa Prati, quale sarà la nuova vita della lussuosa e frequentata villa?

Torna su
ForlìToday è in caricamento