Famiglie del Matteucci in subbuglio, la dirigente: "Nessuna modifica all'offerta formativa"

Casara ha riferito di essersi "interfacciata sia con l'Ufficio scolastico provinciale sia con la dirigente del Matteucci"

L'Istituto Tecnico Economico Matteucci "non ha in atto alcuna modifica dell'offerta formativa in relazione agli indirizzi di studio". Lo ha specificato l'assessore alla Scuola, Paola Casara, leggendo un'informativa della dirigente Giuseppina Tinti in risposta ad un question time presentato dall'esponente dem Elisa Massa, che ha portato in Consiglio comunale il caso della ricomposizione delle classi terze dell'istituto e che ha creato una "situazione di disagio e incomprensione che sta amareggiando le famiglie e soprattutto gli studenti". Casara ha riferito di essersi "interfacciata sia con l'Ufficio scolastico provinciale sia con la dirigente del Matteucci".

"L'Ufficio scolastico assegna annualmente l'organico sulla base del numero di studenti frequentanti - è stato comunicato -. La formazione delle classi terze avviene tenendo conto delle richieste delle delle famiglie degli alunni delle classi seconde nel rispetto della normativa e delle delibere degli organi collegiali di istituto per quanto di loro competenza. Le scelte operate dagli studenti condizionano l'attivazione dei singoli percorsi e devono inevitabilmente coniugarsi con i vincoli di natura normativa. La dirigenza durante l'anno scolastico ha più volte invitato in un' ottica di trasparenza e condivisione dell'operato della scuola i rappresentanti dei genitori di tutte le classi. Ha inoltre invitato le famiglie delle classi seconde, con la finalità di orientamento. alla scelta dell' articolazione della classe terza. In merito ai casi specifici i singoli genitori sono stati sempre ricevuti dal dirigente scolastico. Questa istituzione ha costantemente operato avendo come fine prioritario la soddisfazione dei suoi ragazzi".

Ha replicato Massa: "Non mi risulta che queste siano state le azioni perseguite dalla dirigente scolastica. Comunque porterò avanti personalmente questo rapporto tra genitori ed istituzioni scolastiche, che al momento non si è ancora concretizzato". Nel question time l'esponente dem ha evidenziato come "né il Provveditore agli Studi di Forlì- Cesena né la dirigente scolastica hanno
dato una risposta in merito alle richieste di incontro e di chiarimento su questi temi, lasciando le 34 famiglie di genitori e studenti in un clima di incertezza e delusione derivante da una inspiegabile avversione al confronto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SuperEnalotto, sfiorato il colpaccio da oltre 67 milioni: si consola con una bella vincita

  • Elezioni regionali, l'Emilia Romagna elegge il nuovo presidente: la diretta dello spoglio, tutti i dati

  • Rapina con la pistola e strattona la farmacista terrorizzata, arrestato nel giro di due giorni

  • L'auto sfreccia ad alta velocità, scatta l'inseguimento sulla via Emilia: alla guida c'era uno spacciatore

  • Travolge una passante nei pressi del centro commerciale e non si ferma. Trovata grazie alle telecamere di ultima generazione

  • Elezioni, i programmi a confronto in 7 domande uguali per 7 candidati: queste le loro priorità e proposte

Torna su
ForlìToday è in caricamento