Nuovo caso di meningite: paziente ricoverato in Rianimazione. Scattata la profilassi

Immediatamente, come da protocollo, è stata avviata l’inchiesta epidemiologica che ha consentito di individuare i contatti precedenti della persona affetta

Diagnosticato un caso di meningite in un residente a Forlimpopoli. Si tratta di un sessantenne, che si trovata ricoverato all'ospedale "Morgagni-Pierantoni" di Vecchiazzano nel reparto di Rianimazione. Immediatamente, come da protocollo, è stata avviata l’inchiesta epidemiologica che ha consentito di individuare i contatti precedenti della persona affetta, famigliari e conoscenti che hanno ricevuto tutte le informazioni sulla malattia e sui provvedimenti di profilassi da adottare. E' già iniziata la profilassi antibiotica dei "contatti stretti individuati”.

La meningite meningococcica, malattia provocata da un batterio (Neisseria meningitidis), può essere contagiosa. La trasmissione avviene con l'emissione di goccioline di saliva che si trasmettono parlando, starnutendo, tossendo e pertanto sono a rischio di contagio le persone che hanno avuto contatto stretto (a distanza inferiore di un metro) e prolungato con l’ammalato nei sette giorni precedenti la malattia. Il periodo di incubazione varia da 2 a 10 giorni, di solito 3-4 giorni. L'unica forma reale di prevenzione è la vaccinazione. L'ultimo caso di meningite nel Forlivese risale allo scorso agosto, con la morte del 56enne Donato Santoro. L'uomo era deceduto alcune ore dopo essersi recato al pronto soccorso dell'ospedale Morgagni-Pierantoni nella notte tra lunedì e martedì. Il decesso è sopraggiunto poche ore dopo.

La meningite, la cura e la prevenzione

La meningite è una infiammazione delle meningi, cioè delle membrane che rivestono il cervello ed il midollo spinale, e può essere la conseguenza di un’infezione batterica o virale. Solitamente l’inizio è improvviso; nei primi anni di vita i sintomi d’esordio sono spesso aspecifici e mai isolati: febbre, rifiuto del cibo, pianto insistente, irritabilità, scarsa reattività, sonnolenza insolita. Nel bambino più grandicello sono presenti anche vomito, forte mal di testa, fastidio alla luce ed ai rumori intensi, rigidità muscolare specie dei muscoli della nuca, talvolta macchie violacee sulla pelle (petecchie). I sintomi iniziali possono essere seguiti da perdita di coscienza e convulsioni.

Nella meningite batterica il germe responsabile si trasmette per contagio diretto da persona a persona, attraverso il contatto diretto delle secrezioni naso-faringee e la malattia è spesso favorita da condizioni predisponenti (stati di debilitazione, alcune patologie croniche e affollamento). Il periodo di incubazione (cioè il tempo che passa dal momento del contagio alla comparsa dei sintomi) è variabile a seconda del microrganismo responsabile della malattia.

Le meningiti di origine batterica vengono curate efficacemente con gli antibiotici. In alcuni casi è necessario trattare i contatti stretti del malato con una profilassi antibiotica (cioè con l’uso di antibiotici a scopo preventivo). In tutti i casi non è necessaria nessuna misura aggiuntiva di disinfezione dell’ambiente, né la chiusura della  scuola, perché i germi responsabili non sopravvivono a lungo fuori dall’essere umano e sono sensibili all’aria, alla luce ed alle normali misure di pulizia; è importante arieggiare frequentemente gli ambienti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il maggiordomo vince in tribunale ed eredita 4 milioni di euro

  • Tragedia sui binari, muore una 13enne. Traffico ferroviario in tilt: cancellazioni e ritardi

  • Tragedia in ospedale: 20enne si lancia nel vuoto e perde la vita

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • Un forlivese taglia il traguardo dell'Ironman 2019 tra i primi cinque

  • Dopo la collisione cade sull'asfalto, le auto lo schivano: paura in A14 per un centauro

Torna su
ForlìToday è in caricamento