Chirurgia informatizzata, l'Ausl al TG3 in attesa del premio

Giovedì si saprà se il progetto forlivese di informatizzazione del percorso chirurgico riuscirà a conquistare Epsa 2011 (European Public Sector Award), premio biennale, indetto dall'Eipa

Giovedì si saprà se il progetto forlivese di informatizzazione del percorso chirurgico riuscirà a conquistare Epsa 2011 (European Public Sector Award), premio biennale, indetto dall’Eipa (European Institute of  Public Administration) per riconoscere le migliori best practises a livello europeo nel campo delle pubbliche amministrazioni. Intanto, l’iniziativa è al centro di un servizio del telegiornale regionale dell’Emilia-Romagna di Rai3, in onda martedì nell’edizione delle 14 e delle 19.30.

La giornalista Giovanna Greco ha intervistato il direttore generale dell’Ausl di Forlì Licia Petropulacos, che guiderà la piccola delegazione forlivese in trasferta a Maastricht per la cerimimonia conclusiva della manifestazione, nel corso della quale verrà, appunto, proclamato, in ogni categoria, il progetto vincitore. Dei 274 elaborati pervenuti all’Eipa da governi locali, regionali, nazionali e da istituzioni europee, dopo ripetute valutazioni e visite ispettive in loco, ne sono stati selezionati, infatti, 5 per ciascuna delle tre diverse aree tematiche disponibili: “Servizi pubblici intelligenti nel contesto della crisi economica”, nella quale concorre il lavoro forlivese, “Rilancio del settore pubblico attraverso forme di collaborazione istituzionale”, e “Ecocostenibilità, soluzioni concrete del settore pubblico”. Il progetto dell’ospedale “Moragni-Pierantoni” è l’unico italiano ad essere rimasto in lizza, e il solo di ambito sanitario dei 15 approdati all’ultimo atto. Nella sua categoria, si giocherà il successo finale contro le iniziative presentate dalla municipalità di Bilbao (Spagna), dal Ministero dell’Istruzione norvegese, dalla Regione della Catalogna (Spagna), e dalla municipalità di Mannheim (Germania).

Già essere giunti a questo punto, costituisce quindi motivo d’orgoglio, visto che, a prescindere dalla vittoria, tutti i finalisti sono di diritto nel novero delle migliori best practise europee.

«Siamo molto soddisfatti – commenta il direttore generale Licia Petropulacos – si tratta di un importante riconoscimento che gratifica il lavoro dell’intero personale di sala operatoria. Una delle peculiarità del nostro progetto, infatti, è proprio il suo essere nato dal basso, da un’esigenza degli operatori per garantire ancor più efficienza e sicurezza del blocco chirurgico». Altro punto di forza è il basso costo, elemento decisivo visto che la categoria in cui concorre l’elaborato ha per titolo “Servizi pubblici intelligenti nel contesto della crisi economica”. «Abbiamo utilizzato tecnologie già esistenti, come i palmari e il sistema informatizzato – prosegue la dott.ssa Petropulacos – l’incidenza è di poche migliaia di euro, mentre i progetti con cui concorriamo hanno un impatto di alcuni milioni di euro. Inoltre, visto che si sfruttano strumentazioni abbastanza comuni, il sistema è facilmente riproducibile, senza necessità di elevati investimenti».

Nel suo complesso, il sistema informatizzato di sala operatoria, attivo da gennaio 2009, ha permesso la registrazione dei percorsi di 10.395 interventi, nel periodo gennaio 2009-dicembre 2010, registrando 16 fasi sequenziali per ogni paziente. Ognuna di queste fasi viene tracciata in termini di operatore responsabile, luogo in cui viene svolta l’azione, tipo di azione sul paziente, tempo richiesto allo svolgimento dell’azione: il sistema richiede all’operatore incaricato della rilevazione il dato da inserire per poter accedere allo step successivo. In questo modo, è possibile garantire, oltre alla continua e corretta identificazione del paziente, un perentorio controllo delle operazioni eseguite su quest’ultimo. Tutto ciò, a garanzia che “il paziente giusto si trovi nella sala operatoria giusta per il giusto intervento chirurgico”. «I vantaggi del sistema sono l’estrema trasparenza del processo e la possibilità di migliorare, grazie al costante monitoraggio, le nostre performance di sala operatoria – illustrano l’ingegnere Matteo Buccioli e il dott. Vanni Agnoletti, dell’U.O. Anestesia-Rianimazione, autori del progetto – dal punto di vista gestionale, siamo riusciti a ridurre le urgenze dal 25% al 16% con miglioramento dell’appropriatezza delle stesse, in virtù di una più precisa programmazione, e portare il tempo di occupazione della sala dal 71% al 79%. Inoltre, abbiamo individuato tutti gli indicatori di efficienza riconosciuti a livello internazionale, definendo con esattezza i tempi di trasporto del paziente, i tempi anestesiologici, chirurgici, e di risveglio. Grazie alla disponibilità di tutti questi dati, è ora possibile scattare una foto del percorso chirurgico in tempo reale, in modo tale da aumentare ulteriormente le performance». «Essere arrivati alle fasi finali di Eipa, superando la concorrenza di governi e paesi europei con budgets di milioni di euro – concludono – è motivo di grande prestigio per tutto il nostro ospedale, e ribadisce la bontà del progetto che, come espresso più volte dai commissari europei, si è imposto solamente grazie al potere delle proprie idee».  

“A nome dell’Amministrazione comunale e dell’intera comunità forlivese esprimo vive congratulazione all’Azienda Usl per il prestigioso riconoscimento ottenuto a livello internazionale da parte dell’European Institute of  Public Administration per il progetto di informatizzazione del percorso chirurgico - ha affermato il sindaco Roberto Balzani -. L’esperienza innovativa realizzata all’ospedale Morgagni-Pierantoni è stata selezionata fra i cinque finalisti di “Epsa 2011” (European Public Sector Award), premio biennale che selezione le migliori esperienze nel campo delle pubbliche amministrazioni e al quale, in questa edizione, hanno preso parte 274 elaborati pervenuti da governi locali, regionali e nazionali. Insieme ai complimenti, mi associo idealmente alla delegazione guidata dal Direttore generale dell'Ausl di Forlì Licia Petropulacos. L’auspicio è di poter festeggiare la vittoria del progetto forlivese; la certezza è rappresentata dalla conferma che, anche grazie a questo riconoscimento, la qualità del nostro sistema sanitario trova collocazione ai massimi livelli d’Europa”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Precipita nella tromba dell'ascensore dal quinto piano: "miracolato" dai cavi dell'impianto

  • Cronaca

    Girava alle 4 di notte armato fino ai denti e col fucile col silenziatore: arrestato

  • Cronaca

    Minacciata di morte, presa a calci e pugni e pedinata: terrore per una 21enne di Forlì

  • Cronaca

    Minaccia il suicidio all'ex: i Carabinieri le salvano la vita, aveva assunto un cocktail di medicinali

I più letti della settimana

  • Dopo il tamponamento l'auto colpisce un palo e si ribalta: muore volto noto forlivese

  • Tragedia di via Bidente, secondo la Municipale chi ha causato l'incidente era ubriaco

  • Schianto in sorpasso tra più veicoli nel tunnel: chiusa fino in serata la tangenziale

  • Travolge nella nebbia il camion dei rifiuti fermo a bordo strada: grave un 49enne

  • Investito da un'auto dopo esser uscito da scuola: paura per un bimbo di 11 anni

  • Tira dritto col furgone dopo aver colpito una passante: la Polizia Municipale trova il responsabile dell'incidente

Torna su
ForlìToday è in caricamento