Civitella di Romagna in festa per la Madonna della Suasia

L’apice della festa 2020 della Madonna della Suasia è la Messa in programma sabato, alle 18, all’interno del santuario civitellese

Sarà il vescovo di Forlì-Bertinoro mons. Livio Corazza a presiedere, sabato, alle 18, la Messa solenne in onore della Beata Vergine della Suasia, patrona di Civitella di Romagna. La celebrazione, aperta a tutti i fedeli che vorranno accedere al santuario nel rispetto delle norme di sicurezza sanitaria imposte dall’emergenza Covid-19 (è prevista anche la diretta su Teleromagna e sul canale Youtube della pastorale giovanile) concluderà la seconda serie di passi sulla “Via della speranza”, proposta dal vescovo per invocare la fine della pandemia.

La devozione della Madonna della Suasia a Civitella iniziò dopo le apparizioni della madre di Cristo ad un pastorello, Pasquino di Martino da Vignale. Il 1° aprile 1556 il giovane si era fermato a recitare il rosario nella celletta posta alla confluenza del torrente Suasia con il fiume Bidente, in cui era custodita l’immagine mariana oggi venerata nel santuario: si tratta della Beata Vergine che tiene il bambino Gesù sulle ginocchia e lo istruisce mentre sfoglia un piccolo libro. La Madonna chiese a Pasquino di ottenere dai proprietari la concessione del terreno per edificarvi una chiesa. La Vergine apparve nuovamente il 15, il 22, il 25 e il 29 aprile. Il 4 giugno iniziò la raccolta delle offerte per la costruzione del santuario, con posa della prima pietra nel luglio dello stesso anno. Ci vollero ben 39 anni per completarne l’edificazione, fino alla consacrazione del 1595.

La chiesa scampò al grave terremoto del 1661 che distrusse Civitella e all’incendio del 1780 che bruciò tutto l’altare, tranne l’immagine sacra. Nel 1819 venne riconosciuta la Confraternita, a cui è affidato il santuario. Con pianta di croce greca, l'edificio occupa un'area di 454 metri quadrati ed è alto 32 metri. La cupola è sostenuta da quattro pilastri che si innervano ad archi a tutto sesto di 9 metri di diametro. La chiesa, restaurata dopo i danni di guerra, conserva sull'altare maggiore la venerata immagine della “Madonna col bambino”, un affresco del 1400 di autore ignoto, appartenente alla scuola toscana. Nel 2000 e nel 2003, l’edificio ha beneficiato di importanti interventi di recupero, tesi al rifacimento della facciata e del piazzale antistante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel 2019, la Madonna della Suasia è risorta anche dal nuovo incendio divampato il 26 maggio 2014, proprio al termine della festa annuale. Il denso fumo e le fiamme, scaturite molto probabilmente da alcune candele lasciate accese, danneggiarono parte degli arredi e degli affreschi seicenteschi, che erano stati da poco restaurati. Fu distrutta anche una cornice del 1700 che si trovava a margine dell’altare. Le celebrazioni 2020 della Madonna della Suasia proseguiranno per l’intera giornata di domenica 24 maggio e si concluderanno la domenica successiva, alle 8, con la santa Messa per gli ammalati e i colpiti dal Coronavirus. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso arresto cardiaco spezza la vita ad un giovane di 26 anni

  • "Sarà un maxi-supermercato, secondo solo all'iper": i commercianti chiedono di bocciare il progetto

  • Meldola, si lancia nel vuoto e perde la vita: nuova tragedia al ponte dei Veneziani

  • Mentre lavora il giardino di casa la terra restituisce bombe a mano e proiettili: strada chiusa a pochi passi dal centro

  • Centauro esce di strada: la moto vola nella scarpata, interviene l'elicottero

  • Il primo giorno dei bar: "Poca gente e chiedono il permesso per entrare. Ma chi entra consuma dentro"

Torna su
ForlìToday è in caricamento