Come da tradizione, tanti bambini alla "Fiorita" sotto la statua della Madonna

Domenica si è svolta la tradizionale "Fiorita dei bambini" alla Madonna del Fuoco che è iniziata alle 15 alla abbazia di San Mercuriale

Grande partecipazione, domenica pomeriggio in piazza del Duomo, alla Fiorita alla Madonna del Fuoco promossa dalla Diocesi di Forlì-Bertinoro in collaborazione con le Scuole cattoliche locali. Preponderante la presenza dei bambini, tutti muniti di un disegno e di un fiore da recare in dono alla madre celeste. Partito da San Mercuriale, il pellegrinaggio si è avviato verso la Cattedrale seguendo lo striscione con il tema della Fiorita: “Aiutaci, o Madre a vivere da fratelli”. Dopo un omaggio a don Pippo, nel Centenario di fondazione del settimanale “Il Momento”, il corteo ha fatto sosta nella piazza a lui dedicata, a fianco del Palazzo delle Poste, per poi snodarsi lungo via delle Torri, mentre una delegazione delle scuole si è recata per una preghiera presso la chiesina del Miracolo, in via Cobelli, dove si trovava la scuola con l’immagine della Madonna preservata miracolosamente dall’incendio divampato nella notte tra il 4 e il 5 febbraio 1428.

Lungo il tragitto sono state ricordate le forlivesi Annalena Tonelli, Beata Clelia Merloni e Benedetta Bianchi Porro. Giunti all’altezza della Colonna della Madonna del Fuoco, nel punto dove 33 anni fa, nel corso della sua storica visita a Forlì, si fermò in preghiera anche Papa Giovanni Paolo II, i numerosi bimbi presenti hanno offerto il disegno preparato in anticipo a scuola. Alla presenza del vescovo Livio Corazza, due Vigili del Fuoco saliti con autoscala fino in cima alla colonna, per offrire una corona di fiori donata della Scuola Beata Clelia Merloni. Il breve ma intenso pomeriggio devozionale si è concluso in Duomo, nella cappella seicentesca che dal 20 ottobre 1636 custodisce la miracolosa icona della Madonna del Fuoco.

Il vescovo Livio ha invitato i bimbi presenti a ringraziare il Signore, dopo aver reso omaggio alla Madre Celeste con disegni e fiori. Al termine della preghiera, che ha visto il vescovo Corazza portare straordinariamente in mezzo al popolo che gremiva il Duomo, il quadro con l’icona della Madonna del Fuoco, tolto per un attimo dalla sua posizione storica in cima all’altare a lei dedicato, i bambini hanno ricevuto in dono un lumino e un’immagine disegnata dal pittore Vignazia, con l’invito alle rispettive famiglie a fare la loro offerta per aiutare gli Ospedali Aperti in Siria nell’ambito del progetto AVSI. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

  • Coronavirus, il presidente Bonaccini: "Stiamo valutando la chiusura di asili nido, scuole, impianti sportivi e musei"

Torna su
ForlìToday è in caricamento