Baruffa politica e il Consiglio comunale dura appena 5 minuti

Subito dopo l'inno d'Italia con cui viene aperta ogni seduta del Consiglio, Fabrizio Ragni e Beatrice Bertaccini di Forza Italia hanno annunciato prima una richiesta di sospensione del Consiglio e poi la definitiva uscita dall'aula

Le baruffe politiche portano allo stop, dopo cinque minuti dall'inizio, del Consiglio Comunale riunito nel pomeriggio di martedì. In programma una serie di question time e interrogazioni proposte dalle minoranze. Subito dopo l'inno d'Italia con cui viene aperta ogni seduta del Consiglio, Fabrizio Ragni e Beatrice Bertaccini di Forza Italia hanno annunciato prima una richiesta di sospensione del Consiglio e poi la definitiva uscita dall'aula di tutte le opposizioni (Forza Italia, M5S, Lega Nord, Fratelli d'Italia, Gruppo Misto e Noi Forlivesi).
 

I gruppi di minoranza hanno lamentato un atteggiamento anti-democratico di giunta e maggioranza, con l'approvazione di una delibera nell'ultimo Consiglio Comunale, nonostante un parere negativo del presidente della prima commissione consigliare. Inoltre è stato lamentata scarsa attenzione al ruolo del consigliere comunale negli inviti agli eventi istituzionali.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da parte sua la maggioranza targata Pd aveva il numero legale per procedere con lo svolgimento del normale ordine dei lavori, ma essendo tutti argomenti che dovevano essere trattati su proposta delle opposizioni (e quindi con gli interroganti presenti in aula) si è deciso di votare il rinvio del Consiglio Comunale. Un assise di Consiglio comunale costa mediamente al Comune circa 4.000 euro, per cui il costo di questo cortissimo Consiglio durato 5 minuti peserà sulle casse pubbliche. L'esborso è stato fatto notare in modo critico dai gruppi di maggioranza. I consiglieri di minoranza, in una conferenza stampa (a cui ForliToday non è stata invitata) hanno annunciato di rinunciare al gettone di presenza, così come poi annunciato anche da quelli di maggioranza, restano tuttavia i costi fissi della convocazione del Consiglio e del personale amministrativo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Centauro esce di strada: la moto vola nella scarpata, interviene l'elicottero

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Dal tampone pre-assunzione scopre di essere positivo al covid-19

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

  • "Voglio farla finita": poliziotti e operatori sanitari salvano la vita ad un 21enne

Torna su
ForlìToday è in caricamento