Solo gomme termiche, niente più catene. "Il governo faccia marcia indietro"

Giordano Biserni, presidente di Asaps, contro il decreto sviluppo, in particolare la regola secondo cui i proprietari di strade possono, se vogliono mettere l'obbligo esclusivo delle gomme termiche

“Il provvedimento era blindato (ci verrebbe da dire incatenato) ed è ovviamente stato approvato nella versione già votata alla Camera. Come dire ormai la frittata è fatta. Ora le strade in "overdose" da neve saranno ancora più in stato confusionale e con loro gli automobilisti e le stesse forze dell'ordine”. Giordano Biserni, presidente di Asaps, contro il decreto sviluppo, in particolare la regola  secondo cui i proprietari di strade (Anas, Provincia, Comuni e società autostrade) possono, se vogliono mettere l'obbligo esclusivo delle gomme termiche.

“Si dovrà fare affidamento sull'intelligenza e prudenza degli enti proprietari della strada per evitare il caos totale. Una situazione confusa che fa comunque comodo a qualcuno, visto che nel dubbio l'automobilista si munirà di gomme invernali anche se abita nell'isola di Procida e magari va a trovare i nipoti per Natale a Milano. - sottolinea Biserni - Senza metter in discussione l'assoluta utilità delle gomme invernali, di cui siamo stati da sempre convinti fautori, ci troviamo di fronte a un provvedimento assurdo di cui non si sentiva assolutamente il bisogno. C'è solo da sperare che, oltre le sagge e condivisibili interpretazioni autentiche di ministri e sottosegretari, che farebbero ritenere ancora più che legale l'uso delle catene, arrivi un provvedimento chiarificatore. Intanto le tredicesime dei timorati da neve, subiranno pesanti dimagrimenti per questo lifting che dovrebbe essere volontario e assolutamente alternativo alle catene, strumenti antisdrucciolevoli sempre preziosissimi in situazioni particolarmente critiche.
Ne vedremo delle belle se l'uso esclusivo verrà imposto ai veicoli pesanti su strade,  autostrade e superstrade con pendenze poco più che significative, per non parlare della Cisa, della E45 e simili. Senza le sante catene non se ne verrà fuori”.

“A questo proposito, di fronte ad una situazione di forte disorientamento degli automobilisti, l'ASAPS chiede al governo, di abrogare la disposizione e di rivedere tutta la materia gomme invernali e catene per riportare chiarezza e certezza nell'applicazione della norma da parte delle forze di polizia. Non solo. Visto che il provvedimento è comunque stato approvato e qualche ente proprietario della strada potrebbe prevedere l'utilizzo esclusivo di pneumatici invernali, l'ASAPS offrirà la sua consulenza gratuita per i ricorsi ai Giudici di pace agli automobilisti (siano essi associati o no), nel caso vengano sanzionati per avere montate sull’auto gomme normali, ma con catene al seguito su strada non innevata o catene montate su strada innevata. Non sappiamo se questa misura contribuirà alla crescita del Paese, sicuramente non contribuirà al portafoglio degli automobilisti”, conclude Biserni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vita ai tempi del Coronavirus - Una dipendente di un market spiega tutti i comportamenti sbagliati dei clienti

  • Il coronavirus continua ad uccidere nel Forlivese. Quasi mille contagiati in provincia

  • Coronavirus, martedì drammatico: dieci morti in provincia in 24 ore, 5 a Forlì

  • Coronavirus, superati i mille contagiati in provincia: altri due decessi nel Forlivese. Crescono i guariti

  • Perde l'autobus e si siede sconsolato sulla panchina: trova conforto nella Polizia

  • Coronavirus, focolaio nel Dipartimento di Sanità Pubblica: 19 contagiati in via Della Rocca

Torna su
ForlìToday è in caricamento