Maxi operazione anti-degrado al chiostro di San Mercuriale

Operazione antidegrado al chiostro di San Mercuriale di Polizia e Carabinieri. Venerdì mattina, su disposizione del sostituto procuratore Alessandro Mancini, è stata transennata l'area

Operazione antidegrado al chiostro di San Mercuriale di Polizia e Carabinieri. Venerdì mattina, su disposizione del sostituto procuratore Alessandro Mancini, è stata transennata l’area per consentire alle unità cinofile di setacciare vegetazione e tombini al fine di verificare l’eventuale presenza di stupefacenti. Già in passato infatti le forze dell’ordine sono state impegnate in specifiche operazioni che hanno consentito di assicurare alla giustizia giovani pusher.

Gli agenti della Squadra Mobile e della Scientifica della Questura di corso della Garibaldi, diretti dal dirigente Claudio Cagnini e dal vice Stefano Santandrea, hanno provveduto anche a fotografare tutta l’area ed i muri “sporcati” da graffiti. Al pattuglione hanno preso parte anche i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, diretti dal capitano Cristiano Marellla, il sovraintendente delle Belle Arti di Ravenna, l'architetto Luciano Marni, il vice sindaco Giancarlo Biserna e il parrocco don Enrico Casadei.

La Procura ha aperto un fascicolo per tracce di danneggiamento ed imbrattamento di edifici pubblici d'interesse storico, a carico a quanto pare di un mezza dozzina di frequentatori abituali del chiostro, già identificati, e di altri al momento ignoti. Le forze dell'ordine hanno rinvenuto tracce di bivacco, probabilmente risalenti a giovedì. Scuotendo i cespugli sono emerse una ventina di bottiglie e sacchetti. Il cane antidroga ha invece individuato una fialetta di metadone. L'area è videosorvegliata dalle telecamere del Comune. Questo può permettere agli investigatori di risalire ai responsabili degli atti di degrado. L'area calpestabile è di proprietà del Comune, mentre le mura della Diocesi.

I controlli, che si sono svolti mentre in piazza c’era il mercato settimanale, ha richiamato la curiosità di numerosi passanti, sorpresi dal dispiegamento di forze dell’ordine. Poche settimane fa il capogruppo del Pdl in consiglio comunale, Alessandro Rondoni, ha risollevato il tema del degrado al chiostro di San Mercuriale. Il sindaco di Forlì Roberto Balzani ha risposto attraverso ForliToday, annunciando la nascita del Museo diocesano negli spazi liberati dal Centro di accoglienza diurno della Caritas.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cacciatore ferito da spari durante una battuta di caccia: soccorso in gravi condizioni

  • Colpisce due auto e poi si cappotta nel fosso: pauroso incidente

  • Stormi di migliaia di uccelli volteggianti sulla città, frastuono sugli alberi: la spiegazione del fenomeno

  • Altro colpo al commercio in centro: due chiusure a pochi metri nel cuore dello shopping

  • Falegname e pizzaiolo nei weekend, apre una pizzeria tutta sua: "Vetrina che si riaccende in centro"

  • L'allarme suona, nella borsa spunta un portafogli rubato: "Potrebbe essere stato nostro figlio"

Torna su
ForlìToday è in caricamento