Design, spettacolo, moda, musica: un sabato in fiera con il Vintage

E' la rassegna che guarda al Novecento e alle sue tendenze nel campo della moda, del design, dello spettacolo e del costume in senso lato

E’ un sabato davvero ricco di proposte e appuntamenti quello che attende dalle 10 alle 20 i visitatori della 25ª fiera “VINTAGE! La moda che vive due volte” al quartiere espositivo di via Punta di Ferro a Forlì. La rassegna che guarda al Novecento e alle sue tendenze nel campo della moda, del design, dello spettacolo e del costume in senso lato, per la sua seconda giornata offre al pubblico la possibilità di gustarsi musica dal vivo di altissimo livello e di ammirare una mostra esclusiva dedicata all’icona Vintage Roberta Di Camerino.

Si intitola “L’arte dell’eleganza! R. Roberta di Camerino”, l’esposizione allestita all’ingresso dei padiglioni in collaborazione con “Mai Visto”, vintage store di Riccione. Una retrospettiva che esalta il tocco inconfondibile che contraddistingue capi d’abbigliamento e accessori creati dalla maison di Giuliana Coen Camerino, la stilista veneziana Oscar della Moda 1956 che conquistò la ribalta mondiale facendo innamorare regine e principesse come Grace Kelly. Uno stile che dagli anni ‘60 iniziò a interessare anche altri accessori dell’abbigliamento femminile, foulards, ombrelli, valigie, per trovare infine un altro campo di sperimentazione nell’abito da giorno e da sera, per il quale Giuliana inventò il “trompe-l’oeil”, in cui i revers, i bottoni, le pieghe, le cinture non sono reali ma semplicemente stampate sul jersey. 

In esposizione saranno 15 outfit completi di cui 2 di moda-mare e 7 vetrinette nelle quali si potranno osservare in tutta la loro bellezza e qualità artigianale le borse e gli accessori griffati “R”: borse che coprono un arco temporale ricompreso tra i primi anni ‘50 e la seconda metà degli anni ’70 tra le quali alcune edizioni limitate (Bagonghi, certo, ma anche Oklahoma, Marmittone, Aspide, Hyde Park, Brigitte, la preferita da Camilla Cederna), accompagnate dall’esposizione di foulard, coordinati, tailleur, abiti da giorno prevalentemente degli anni ’60 e tante rarità tra cui un soprabito in pelle degli anni ‘60 intrecciato a mano. A Vintage si potranno ammirare abiti originali per tinte, assemblaggi e forme, abiti da sera e da giorno, prevalentemente degli anni ’60, e tante rarità tra cui un soprabito in pelle degli anni ‘60 intrecciato a mano, foulards, ombrelli, valigie, un bollitore degli anni ’70, un prezioso portagioie in velluto, occhiali da sole, un cappotto in velluto degli anni ’70, una borsa da sera in argento con jaiss rifinita a mano.

Tutto frutto della ricerca, in Italia e all’estero, di “Mai Visto”, meta di culto per gli appassionati del settore, anche stranieri, legata alla “movida” dei locali notturni della Riviera romagnola, “Mai Visto” annovera clienti affezionati di prestigio quali Jovanotti, Fiorello, Serena Grandi, Edoardo Bennato, Eva Robin’s e persino lo stilista Jean Paul Gaultier.

Vintage è anche grande musica dal vivo
Come sua tradizione, “VINTAGE! La moda che vive due volte” è anche un grande palcoscenico sul quale si alterneranno le migliori band musicali che propongono sonorità legate a un passato che tuttora affascina. Sabato 24 e domenica 25 marzo i concerti live si alterneranno ai dj set in un continuo che va dalle 14.30 alle 19.30 di sabato e dalle 10.30 alle 19.30 del giorno successivo.
A “girare i dischi” riproponendo il meglio dei ritmo degli anni ’40-’50-’60, saranno Andy Lee, Lupo Solitario e Ser J, poi la musica dal vivo sarà proposta in momenti diversi nell’arco delle due giornate dal duo “Max&Veronica”. Per la precisione sabato dalle 15.30 alle 16.15 e dalle 18 alle 18.45, domenica  dalle 10.30 alle 11.15 e dalle 12 alle 12.45.

Max De Bernardi, grande conoscitore del genere country blues, esplora un territorio musicale compreso tra il piedmont blues e il ragtime caratterizzati da un fingerpicking cadenzato dai bassi alternati, senza tecnicismi superflui. Si è formato musicalmente alla fine degli anni ’70 ascoltando i grandi maestri del country blues: Blind Blake, Leadbelly, Rev, Gary Davis, Sam Chatmon, Son House, Mississippi John Hurt, forgiando ben presto uno stile personalissimo. Veronica Sbergia è cantante, ukulelista e suonatrice di washboard. La versatilità della sua voce l’ha in passato portata a proporre repertori dei più disparati generi musicali, dal pop al folk passando per il soul il funk e il jazz ma è nel blues che trova la sua espressione ideale. Nell’arco degli ultimi anni, grazie alla collaborazione con Max De Bernardi, si è concentrata sullo studio e la ricerca del blues delle origini. Insieme, nel 2009, danno vita al progetto Veronica & The Red Wine Serenaders, ensemble acclamato dalla stampa specializzata nazionale come “la più bella realtà europea in fatto di country-blues, ragtime, hokum e jugband music”. Dall’inizio del 2017 decidono di dare vita ad un nuovo percorso musicale sotto il nome di Max&Veronica. Il repertorio si concentra sulla musica Roots Americana, non solo Blues quindi, ma anche country, folk, ragtime e swing. Il tutto suonato con strumenti acustici e con attenzione alla tradizione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

INFO, ORARI E PREZZI
www.fieravintage.it
Orari al pubblico: venerdì 23 dalle 14.00 alle 20.00 - sabato 24 e domenica 25 dalle 10.00 alle 20.00. Preview gratuita su invito per uffici stile e ricerca venerdì mattina: dalle 10.00 alle 14.00
Ingresso: Coupon riduzione scaricabile dal sito www.fieravintage.it  € 6,00 – Intero € 8,00 – Gratis fino a 12 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio nella zona industriale, un nuvolone nero altissimo preoccupa i forlivesi

  • La vita ai tempi del Coronavirus - Una dipendente di un market spiega tutti i comportamenti sbagliati dei clienti

  • Il coronavirus continua ad uccidere nel Forlivese. Quasi mille contagiati in provincia

  • Coronavirus, martedì drammatico: dieci morti in provincia in 24 ore, 5 a Forlì

  • Coronavirus, nuova impennata di casi in provincia: +95 in 24 ore. E Forlì registra un'altra vittima

  • Coronavirus, superati i mille contagiati in provincia: altri due decessi nel Forlivese. Crescono i guariti

Torna su
ForlìToday è in caricamento