Falls, una cascata di emozioni e solidarieta: in 1400 al Diego Fabbri

L’intero ricavato dello spettacolo, infatti, sarà devoluto a bambini e adolescenti con diabete che tutti i giorni affrontano la vita con grande forza e coraggio

Un successo ben al di là delle migliori aspettative per “Falls” lo spettacolo andato in scena venerdì e sabato scorsi al Teatro Diego Fabbri di Forlì. Due giorni che verranno ricordati da tutti non solo per la storia di Rachel Green, che ha colpito il cuore di chi ha avuto la fortuna di farsi coinvolgere dall’entusiasmo degli organizzatori ed essere a teatro lo scorso fine settimana, ma anche per l’aiuto concreto che le due serate regaleranno a tanti bambini e adolescenti con diabete e le loro famiglie. 

Momenti di grande commozione, ma anche risate tra il pubblico rapito dal palco, da attori che hanno messo anima, cuore e qualità nella loro interpretazione e dalla regia della straordinaria Laura Mazzotti, che ha saputo trascinare i 4 protagonisti in un grandissimo sogno vissuto in totale empatia con il pubblico presente. Un pubblico fatto di ragazzi, quasi 400 di 17 classi degli istituti superiori di Forlì, che hanno assistito entusiasti e senza fiato all’anteprima di venerdì mattina per due ore tirate di spettacolo, e di più di 1.000 persone che nelle due serate hanno partecipato non solo perché attratti dall’opera, ma per la forte valenza solidale dell’evento. L’intero ricavato dello spettacolo, infatti, sarà devoluto a bambini e adolescenti con diabete che tutti i giorni affrontano la vita con grande forza e coraggio. 

Fondamentali per la riuscita dello spettacolo la competenza, la professionalità e il cuore di Nicola Donati, Riccardo Salvetti, Riccardo Caselli, Roberto Vespignani e Riccardo Canali, coadiuvati dagli indispensabili Tudose Bogdan, Daniela Gallina, Lisa Zoli e StenikAudio di Nicola Ballelli. Un plauso particolare va ai musicisti, guidati da Matteo Celli e Filippo Sansoni - che assieme a Nicola Donati hanno curato la parte musicale – che si sono esibiti dal vivo regalando magia ed  emozioni, assieme a Lucia Solferino, Filippo Tognarelli e Marco Calbi. Mesi di prove e lavoro sui personaggi, grazie anche all'aiuto di un altro grande professionista, Luca Maggiore. 

“Non sappiamo da dove partire per i ringraziamenti per queste serate indimenticabili, lo staff di artisti e tecnici, il fondamentale contributo del Comune di Forlì, di FoEmozioni e delle aziende che erano presenti in sala - afferma Pierre Cignani, presidente di Diabete Romagna Onlus -. Vogliamo ringraziare Mara Moschini e Marco Cortesi che hanno presentato le serate e ricordato due persone meravigliose come Katia Zattoni e Guido Passini alla cui memoria lo spettacolo è stato dedicato. Il nostro grazie va ad ogni singola persona che con noi ha vissuto le emozioni di questa grande esperienza, è grazie al contributo di tutti che si possono realizzare i grandi sogni e il nostro è che un giorno il diabete non abbia più potere di decidere della vita di nessuno".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il maltempo non dà tregua, piogge intense: il Bevano oltre la soglia di guardia

  • Meteo

    Maltempo, piogge intense e temporaneo disgelo: rischio frane ed esondazioni

  • Cronaca

    Forlimpopoli, fulmine a ciel sereno sulla Segavecchia: non ci sarà la sfilata dei carri

  • Cronaca

    Gelo dalla Siberia: la sala d'aspetto della stazione ferroviaria apre ai senza tetto

I più letti della settimana

  • Gelo e altra neve in arrivo, tutto quello che c'è da sapere: "Non aspettiamoci un 2012"

  • Rivolta su Facebook per un distributore che non dà carburante, né scontrino: arrivano i carabinieri

  • Pioggia abbondante e scioglimento delle nevi: la tracimazione della diga diventa "rabbiosa" e spettacolare

  • Un incentivo per acquistare l'auto ibrida: l’Emilia Romagna toglie il bollo per tre anni

  • Dall'Albania a Forlì solo per svaligiare le case: presa "La banda del parco"

  • Tira dritto all'incrocio e si schianta contro la recinzione di un'azienda

Torna su
ForlìToday è in caricamento