Dieci anni della patente a punti: "I giovani sotto i 20 sono quelli che ne hanno persi di più"

Sono stati oltre 85 milioni i punti patente persi in dieci anni in Italia: furono introdotti l'1 luglio 2003. Il presidente dell'Asaps, associazione sostenitori Polstrada, Giordano Biserni, spiega che i più falcidiati sono gli 'under 20' con 6,497 punti di media

Sono stati oltre 85 milioni i punti patente persi in dieci anni in Italia: furono introdotti l'1 luglio 2003. Il presidente dell'Asaps, associazione sostenitori Polstrada, Giordano Biserni, spiega che i più falcidiati sono gli 'under 20' con 6,497 punti di media (ma per loro nei primi tre anni valgono doppio), seguiti dalla fascia fino a 24 anni (3,390). Gli ultrasettantenni hanno il record minimo, con 1,176 punti. Le donne sono state più brave gli uomini: hanno perso il 25,44% del totale-punti, contro il 74,56% dei maschi.

E' entrata in vigore il primo luglio 2003: sono trascorsi dunque dieci anni da quando la Patente a punti entrò in 'servizio permanente effettivo'. E insieme alla dotazione iniziale di 20 punti, prese corpo immediatamente l'angoscia di perderli e dover rifare gli esami. Subito si studiarono i soliti sistemi per aggirare la normativa: al volante dell'auto nei pressi della discoteca di Riccione alle 4 di notte c'era il nonno, la moto giapponese da 300 km/h di velocità e 130 in prima marcia la guidava la mamma 'over 60', e via inventando l'impossibile. Fino al 31 dicembre scorso, spiega un'indagine dell'Asaps, i punti persi dai 37.634.404 patentati italiani sono stati 85.604.842, con una media di 2,275 punti sottratti per ogni patente.

I giovani sotto i 20 anni sono quelli che hanno perso il maggior numero, con 6,497 punti di media (ma per loro nei primi tre anni valgono doppio), 3,390 fino a 24 anni, 2,638 nella fascia da 30 a 34 anni. Poi si va nella media nazionale per le altre fasce. Record minimo di punti pagati gli ultrasettantenni con 1,176 punti (compresi quelli di qualche nipote). Le donne sono state più brave: con il 43,67% di patenti hanno perso il 25,44% del totale dei punti, mentre gli uomini, con il 56,33% di patenti, hanno lasciato alle forze di polizia il 74,56% del tesoretto perso. Le violazioni più gettonate sono le solite: al primo posto la velocità (complici autovelox e misuratori vari), poi le cinture di sicurezza, l'attraversamento semaforico con il rosso e l'uso del cellulare alla guida.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La patente a punti ha funzionato - sottolinea il presidente Asaps, Giordano Biserni - insieme però alle norme antialcol più severe e all'incremento dei controlli con l'etilometro". Se nel 2002 si contavano ancora 265.402 incidenti con 6.980 morti e 378.492 feriti, nel 2011 siamo scesi al minimo storico di 205.638 incidenti (-22,5%), con 3.860 vittime (-44,7%) e 292.019 feriti (-22,8%). Il solo effetto annuncio sui giornali e tv nei primi sei mesi del 2003 produsse effetti notevoli. Oggi contiamo ancora comunque sulle strade 11 morti e 800 feriti al giorno". L'anello mancante ora, secondo Asaps e le associazioni Lorenzo Guarnieri e Gabriele Borgogni, "si chiama Omicidio stradale per chi uccide da ubriaco over 1,5 g/l o drogato, insieme all'ergastolo della patente, punti o non punti". Da domani ai più disciplinati (o fortunati che non si sono imbattuti in un autovelox 'facile') verranno assegnati gli ultimi due punti di omaggio biennale, raggiungendo così il tetto massimo previsto di 30 punti. "Se volete sapere il saldo dei vostri punti - ricorda Biserni - basta chiamare l' 848 782 782 del ministero dei Trasporti"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bollettino più nero per Forlì: tre morti. Deceduto anche un ragazzo di 26 anni, attivo negli Scout

  • Il coronavirus si è portato via il direttore di Romagna Acque Andrea Gambi

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio delle vittime: tre morti nelle ultime 24 ore

  • Aziende, il premier firma il decreto: ecco le attività che possono restare aperte

  • Esplosione di contagi alla casa di riposo di Rocca San Casciano: 16 positivi, scatta l'isolamento

  • Balzo degli infetti nel Forlivese: +36 in 24 ore. In Rianimazione ci sono 11 positivi al virus

Torna su
ForlìToday è in caricamento