Donata a Casa Artusi l'autobiografia originale di Pellegrino ed il carteggio

Queste le parole di Eleonora Santini, che, insieme alla sorella Elisabetta, ha accolto la proposta della madre Paola Bona Pullè, e ceduto gratuitamente a Casa Artusi la preziosa autobiografia originale dell’Artusi e un poderoso carteggio

“Questa sera ho capito perché mio padre amava Forlimpopoli, la sua gente, le sue strade, e siamo contente di avere donato a Casa Artusi documenti così preziosi. L’11 marzo sarebbe stato il compleanno di mio padre, e come regalo siamo certe che non avremmo potuto fare di meglio”. Queste le parole di Eleonora Santini, che, insieme alla sorella Elisabetta, ha accolto la proposta della madre Paola Bona Pullè, e ceduto gratuitamente a  Casa Artusi la preziosa autobiografia originale dell’Artusi e un poderoso  carteggio, fra cui lettere di Maria Mantegazza, moglie del senatore Paolo, e dello scrittore Olindo Guerrini.

“Documenti che offrono un ulteriore squarcio biografico sull’illustre cittadino di Forlimpopoli e più in generale sulla Romagna - ha affermato lo storico Alberto Capatti – Casa Artusi in questi anni si è imposta come polo di attrazione di preziose carte documentarie perché ha saputo raccontare il suo progetto di memoria gastronomica”. Giornata speciale per il Presidente di Casa Artusi, Giordano Conti, amico personale di Uberto Santini, ingegnere capo nel Comune di Cesena: “Sono doppiamente emozionato per questo lascito: per la rilevanza dei documenti e per l’amicizia che mi legava a Uberto, grande professionista, intimamente legato alla città di Forlimpopoli”.

Presente anche Cristina Ravaglia, nipote di Uberto Santini, attuale Direttore Generale presso il Ministero Affari Esteri per gli italiani all’estero e le politiche migratorie che, cittadina onoraria di Forlimpopoli, ha messo in contatto Casa Artusi con la zia Paola. Un ringraziamento alla famiglia Santini anche dall’assessore alla Cultura Mauro Grandini e dal sindaco Paolo Zoffoli: “Documenti messi a disposizione di tutti sono la testimonianza di un profondo amore per la Cultura, con la C maiuscola, e la conferma che il progetto artusiano che abbiamo intrapreso sta andando nella direzione giusta”.

Fra le letture dell'artista forlimpopolese Simone Toni, oltre a stralci dal testamento, dll'autobiografia e dal manuale di Artusi, anche alcuni aneddoti assai divertenti scritti dallo stesso Uberto Santini e pubblicati nel 1983 sulla rivista forlimpopolese “L’incontro”. Grande ritorno per l'occasione a Forlimpopoli di Folco Portinari, padre nobile di Forlimpopoli Città Artusiana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tuffo in mare si trasforma in tragedia: giovane muore sotto gli occhi degli amici

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • Coronavirus, tre nuovi tamponi positivi. Un'infermiera colpita per la seconda volta dal virus

  • "Vuole ucciderla", i Carabinieri corrono subito. Picchiava la compagna davanti alla figlioletta, arrestato

  • "Picchiato con calci e pugni": paura sotto la torre dell'orologio, 23enne ferito

  • Il prof Carlo Flamigni se ne è andato via con una sua poesia sulla morte

Torna su
ForlìToday è in caricamento