Due morti sulla Statale 67, i residenti chiedono più sicurezza: "Autovelox e tutor"

Questa la situazione: "Il centro abitato Casone conta una 50 di famiglie, ma non esistono attraversamenti pedonali o segnalatori ottici che possano permettere la sicurezza delle persone sulla statale"

Passaggi pedonali in sicurezza, rilevatori di velocità, autovelox e più sicurezza per gli studenti che scendono dai bus: gli abitanti della frazione di Casone di Dovadola chiedono ora più attenzione, all'indomani del gravissimo schianto tra un motociclista e un pedone che ha comportato la morte di entrambi i coinvolti nell'incidente. Una lettera di una cittadina, Samanta Fabbri, di professione infermiera, avvia una raccolta di firme, affissa nel bar della frazione, Ristobar e al bar Antica Osteria di Dovadola, indirizzata all'Anas, al sindaco Gabriele Zelli, ai carabinieri di Castrocaro, alla polizia municipale di Dovadola e alla polizia stradale di Rocca San Casciano.

Scrive Fabbri: “Sono un’infermiera, abito a Dovadola e per 25 anni ho vissuto in zona Casone, esattamente in via Leopardi. Attualmente vivo in paese, ma torno quotidianamente a Casone. L’incidente gravissimo di martedì scorso, in cui sono decedute  due persone e avvenuto sulla SS 67 proprio sull’incrocio di via Leopardi, mi ha sconvolto non solo perché una delle persone coinvolte è stato mio vicino di casa per decenni, ma anche perché sempre nello stesso punto, mio padre è stato vittima di un incidente molto grave, anni fa, riportando lesioni permanenti ad una mano. Nello stesso punto d’incrocio di via Leopardi con la statale, ma anche in altre zone di localita’ Casone di Dovadola, ho comunque assistito personalmente ad incidenti di natura minore, ma solo per evenienza fortuita, non hanno avuto conseguenze maggiori sulle persone coinvolte. Quindi, vista la mia professione che impone di occuparmi di salute e non per ultimo di prevenzione e vista la mia esperienza di vissuto personale, posso affermare che la zona interessata dall’incidente di martedì, risulta una zona troppo pericolosa per la popolazione residente nel centro abitato Casone e per gli utenti che percorrono la statale SS67”.

Questa la situazione: “Il centro abitato Casone conta una 50 di famiglie, ma non esistono attraversamenti pedonali o segnalatori ottici che possano permettere la sicurezza delle persone sulla statale. Davanti al bar ristorante Ristobar esisteva un attraversamento pedonale che attualmente non è stato ripristinato dalla tinteggiatura del manto stradale. Perché attraversare la statale? Perché i ragazzini che si recano ai plessi scolastici forlivesi possano tornare nelle proprie abitazioni in sicurezza, una volta scesi dagli autobus che hanno fermate proprio sulla statale. Oppure per recarsi al bar della frazione. Sicuramente  per recarsi alla vicina San Ruffillo per godere della campagna e del fiume, come per vent’anni abbiamo fatto noi ragazzini del Casone e come continuiamo a fare ora che siamo adulti o anziani”.
 
“Chiedo con forza al comune di Dovadola, se  non lo avesse già fatto, di segnalare (è stato mai preso questo provvedimento? A volte non è necessario fare grandi opere, ma investire in piccoli atti di volontà) all’Anas la grave pericolosità del tratto di strada e chiedo nello stesso modo ad Anas di investire in termini di salvaguardia e tutela dei cittadini locali, ma anche degli altri utenti che affollano la statale, la cui affluenza, in certi periodi dell’anno è elevatissima (periodo estivo e in occasione delle feste-eventi in collina). Si potrebbe prendere esempio dalla vicina Toscana, dove nella stessa statale 67, in prossimità di frazioni e centri abitati, che ugualmente sorgono in prossimità della via trafficatissima, sono stati adottati sistemi di tutor permanenti (in alcune zone anche a distanza di pochissimi chilometri) con rilevazione di velocità e erogazioni di sanzioni in caso di limite massimo di velocità superato”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Si chiede uno sforzo, inoltre, agli organi competenti (corpo dei vigili urbani, carabinieri e polizia di stato) nel supportare i residenti ed intensificare con posti di controllo e rilevazione di velocità, il tratto di statale Dovadola (viale Zauli)-Casone-Campomaggio. Pur tenendo conto del fatto che ogni incidente stradale ha nel suo intrinseco la fatalità della dinamica e che l’estrema attenzione da parte degli utenti è un elemento indiscutibile, confido nel buon senso degli amministratori locali e dei responsabili Anas, attendendo fiduciosa risposta ai miei quesiti riguardanti la sicurezza. Sicurezza: termine trascurato per troppi anni su questo tratto di statale 67”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, il bollettino: un'anziana vittima a Forlì e un nuovo caso a Santa Sofia

  • Covid-19, amici o fidanzate non conviventi in auto: tutte le regole da seguire

  • Corso Mazzini perde un "pezzo", Trevi Sport chiude: "Una scelta sofferta, ma siamo rimasti soli"

Torna su
ForlìToday è in caricamento