"Operazione natura vigilata": guardie ecologiche nelle aree naturali protette

Si tratta di specifici servizi di vigilanza del territorio e accertamento di violazioni comportanti l’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie

Le aree naturali protette della Romagna in capo all’Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità-Romagna saranno vigilate da ben 7 Raggruppamenti delle Guardie Ecologiche Volontarie (Gev). E’ infatti stata siglata una convenzione tra L’Ente Parchi Romagna e i Raggruppamenti Gev romagnoli, che riguarda il territorio del Parco della Vena del Gesso Romagnola, le Riserve naturali Bosco della Frattona, Bosco di Scardavilla e Onferno, e numerosi siti di Rete Natura 2000.

Si tratta di specifici servizi di vigilanza del territorio e accertamento di violazioni comportanti l’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie previste da disposizioni di legge o di regolamento nelle materie previste dalle competenze assegnate all’Ente Parchi. Altre importanti funzioni saranno legate alla prevenzione, attraverso la promozione e la diffusione dell’informazione in materia ambientale, specificatamente per la tutela dell’ambiente naturale e la conservazione della biodiversità, la prevenzione attraverso iniziative educative, di ricerca e monitoraggio.

"Vi è grande soddisfazione nell’aver raggiunto questo accordo con i Raggruppamenti delle Gev di Bologna, Imola, Ravenna, Faenza, Forlì, Cesena e Rimini - afferma il direttore dell’Ente Parchi Romagna, Massimiliano Costa -. Una collaborazione che garantirà una maggior protezione ambientale, un controllo territoriale a tutela dei valori ambientali e legati alla conservazione della biodivesità delle aree protette di nostra competenza all’interno della macroarea Romagna”.

"Le Gev - chiarisce - avranno compiti di verbalizzazione e segnalazione di diverse violazioni ambientali (ad esempio, flora protetta, raccolta funghi, caccia e pesca, norme sui Parchi e di Natura 2000 e abbandono rifiuti), ma anche compiti preventivi ed educativi, oltre che di monitoraggio e ricerca ambientale”. Il funzionario dell’Ente Parchi Romagna Fiorenzo Rossetti, chiarisce che "un importante contributo le Gev lo daranno anche sul fronte della repressione del fenomeno della scriteriata circolazione con moto e auto da fuoristrada dei sentieri del Parco e delle altre aree protette”. L’Ente Parchi Romagna garantirà un adeguato supporto tecnico-amministrativo e il sostegno finanziario ai Raggruppamenti Gev in convenzione, per una collaborazione a tutto vantaggio della natura della Romagna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tuffo in mare si trasforma in tragedia: giovane muore sotto gli occhi degli amici

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • Coronavirus, tre nuovi tamponi positivi. Un'infermiera colpita per la seconda volta dal virus

  • "Vuole ucciderla", i Carabinieri corrono subito. Picchiava la compagna davanti alla figlioletta, arrestato

  • Pauroso schianto all'incrocio sulla via Emilia, un'auto si ribalta: due feriti

  • "Picchiato con calci e pugni": paura sotto la torre dell'orologio, 23enne ferito

Torna su
ForlìToday è in caricamento