Escrementi di cani sui marciapiedi: spettacolo indecoroso in Corso Mazzini

Qualcuno, non accorgendosi del "ricordino", ha anche lasciato la sua impronta lungo il percorso

Uno dei tanti escrementi lungo il Corso

Uno spettacolo indecoroso agli occhi di chi domenica mattina si stava incamminato verso il centro storico di Forlì per la festa patronale della Madonna del Fuoco. Non sono sfuggiti agli occhi dei passanti i numerosi escrementi di cani lungo i marciapiedi di Corso Mazzini, trasformato dai padroni degli innocenti animali in un'autentica latrina. Qualcuno, non accorgendosi del "ricordino", ha anche lasciato la sua impronta lungo il percorso. Non capita di rado di trovare i marciapiedi del centro imbrattati dalle deiezioni degli animali, un problema annoso che ha più volte provocato l'ira dei cittadini. Fortunatamente ci sono i virtuosi padroni degli amici a quattro zampe, muniti di paletta e sacchetto, pronti a ripulire l'area. Ma purtroppo un'ampia fetta di cittadini, il cui senso civico appare offuscato, ritiene opportuno non raccogliere i bisogni dei propri animali, lasciandoli in terra e dimenticandosi che la città è un bene di tutti.

Potrebbe interessarti

  • Sembrano sani, ma non è vero: ecco svelati 7 alimenti da evitare per la dieta

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

  • Parcheggi gratuiti per future mamme e neogenitori: ecco tutte le informazioni per ottenere il pass

I più letti della settimana

  • La vedova di Bovolenta rivela: "Ho ritrovato l’amore. La vita regala sorprese bellissime"

  • Investimento mortale sulla linea Adriatica: ritardi fino a 3 ore e nove treni cancellati

  • Trovata senza vita in casa, aveva dei lividi. Gli accertamenti escludono la morte violenta

  • Rientro dalle ferie amaro: gli rubano l'armadietto blindato con le armi e viene anche denunciato

  • Taccheggiatrici seriali all'iper, la mamma poteva contare sull'aiuto della figlioletta: stanate dalla Polizia

  • Schianto alla rotonda della tangenziale di Bussecchio: due giovani feriti

Torna su
ForlìToday è in caricamento