Ferragosto, tutte le celebrazioni dell'Assunta. Il vescovo celebra messa al Fornò

Ferragosto non è solo il culmine delle ferie estive, in cui ci si riposa dal lavoro (quando c’è) e dalla fatica accumulata nel corso dell’anno

Ferragosto non è solo il culmine delle ferie estive, in cui ci si riposa dal lavoro (quando c’è) e dalla fatica accumulata nel corso dell’anno: il 15 agosto è anche il giorno in cui la chiesa cattolica festeggia l’Assunzione al cielo di Maria. In base al dogma proclamato da papa Pio XII nel 1950, riconoscendo una tradizione nata a partire dal V secolo, la madre di Cristo, al termine della vita terrena fu trasferita in Paradiso “sia con l’anima che con il corpo”: questo spiegherebbe le numerose apparizioni della Madonna in tutto il mondo cristiano “in carne ed ossa”.

Nella Diocesi di Forlì-Bertinoro, fra i centri di culto dedicati all’Assunta spicca il Santuario di Fornò. Sorto nel 1488 per volere di Pietro Bianco da Durazzo e dedicato alla Beata Vergine di Grazia e Misericordia, è un unicum nel panorama architettonico religioso della Regione per la forma circolare e le misteriose origini del fondatore: pare che l’eremita albanese, artefice della chiesa su progetto di Pace Bombace (il grande architetto collaboratore del Melozzo, che a Forlì ha lasciato anche l’oratorio di San Sebastiano), abbia voluto così espiare il fantomatico e delittuoso passato da pirata. Fino all’ultima guerra, sull’inconsueta rotondità di Fornò svettava un possente campanile in stile romanico-lombardo: il manufatto, fatto saltare dalla Wehrmacht in ritirata la notte del 24 ottobre 1944, non è stato più ricostruito.

Giovedì 15 agosto, la chiesa rinascimentale sarà aperta dalle 8.00, con messe alle 9.00 e alle 11.00 celebrate rispettivamente dal rettore don Mauro Ballestra e dal vescovo di Forlì-Bertinoro monsignor Livio Corazza. Alle 12.30 pranzo comunitario, alle 15.00 preghiera mariana e benedizione, cui seguirà la festa popolare nell’area del santuario, nella cui canonica dal 1987 opera una comunità di recupero da tossicodipendenze condotto dall’Associazione Papa Giovanni XXIII. In preparazione alla festa, lunedì 12 agosto, ultimo giorno del triduo, celebrazione della messa alle 20.30.

Martedì 13 agosto, alle 21.00, commedia dialettale e mercoledì 14, alle 20.30, recita del rosario. L’altro grande santuario diocesano in festa nel giorno di Ferragosto, è quello dedicato alla Madonna di Sulo, in località Filetto. La devozione mariana inizia nel 1618, in seguito ai miracoli avvenuti dopo l’acquisto dell’immagine in ceramica della Madonna, tuttora venerata all’altare maggiore del santuario. Organizzata dal parroco polacco di Filetto, don Pawel Szymusiak e dal cancelliere vescovile don Paolo Giuliani, originario del posto, la festa religiosa avrà inizio mercoledì 14 agosto, alle 19.30, con la messa celebrata da mons. Mario Toso, vescovo di Faenza-Modigliana, animata dal coro “Laudate Dominum” di Faenza. All’alba del 15 agosto, sante messe alle 5.15 e alle 6.00, celebrate rispettivamente dallo stesso don Giuliani e da mons. Paolo Pezzi, arcivescovo cattolico di Mosca. Seguiranno le liturgie eucaristiche delle 7.00, 8.00 e 9.00, quest’ultima celebrata dal vescovo di Forlì-Bertinoro monsignor Livio Corazza e a seguire, delle 10.00, 11.00 e 18.00.

Durante le messe si svolgeranno i pellegrinaggi delle parrocchie limitrofe: alle 6 parteciperanno i fedeli di San Pancrazio e Chiesuola e del movimento di Comunione e Liberazione, alle 7.00 le parrocchie di San Rocco di Ravenna, di Longana e Roncalceci, alle 8.00 San Pietro in Trento e Coccolia, alle 9.00 San Pietro in Vincoli e alle 10.00 Russi. Alle 17.00 recita del rosario, vespri e adorazione eucaristica. Tutte le sere sino al giorno dell’Assunta è prevista animazione con stand e spettacoli. Grande devozione per l’Assunta anche a Magliano. Alle 4.30 di mercoledì 15 agosto, al termine della recita delle Lodi, dalla chiesa posta in via Maglianella, 29 esordirà il pellegrinaggio a piedi diretto a Carpena. La processione percorrerà le vie Bidente, Brando Brandi e Decio Raggi, per raggiungere la parrocchiale posta in via Raggi, 388, ove, alle 6.30, il curato don Antonio Paganelli celebrerà la messa solenne dell’aurora. Saranno a disposizione alcune navette per quanti necessitano di fare ritorno a Magliano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strade di sangue, ancora una tragedia: drammatico schianto sulla via Emilia, un morto

  • Identificato il ciclista forlivese travolto ed ucciso da un suv. Gli amici: "Pedala in cielo"

  • Tira dritto alla rotonda della Tangenziale, si ribalta e distrugge l'auto: vivo per miracolo grazie alle cinture

  • Ruba il bancomat alle colleghe di lavoro, paga aperitivi e fa prelievi: incastrato dalla Polizia

  • Dopo l'esplosione al bancomat, pioggia di colpi sui carabinieri: proiettile colpisce l'auto di pattuglia

  • Spese pazze dopo l'assalto alla sala slot: presi a Forlì dopo il colpo da 30mila euro

Torna su
ForlìToday è in caricamento