Ferretti, vertice con Errani. Al lavoro su come tagliare i costi senza tagliare Forlì

Un tavolo tecnico per verificare la possibilità di una riduzione dei costi che non comporti la chiusura dello stabilimento di Forlì della Ferretti. E' quanto è stato raggiunto nell'incontro che si è svolto martedì in Regione

Tensione in Regione

Un tavolo tecnico per verificare la possibilità di una riduzione dei costi che non comporti la chiusura dello stabilimento di Forlì della Ferretti. E’ quanto è stato raggiunto nell’incontro che si è svolto martedì in Regione e a cui hanno partecipato il presidente della Giunta regionale Vasco Errani, l’assessore regionale alle Attività produttive Gian Carlo Muzzarelli, l’assessore al Lavoro della Provincia di Forlì-Cesena Denis Merloni, il sindaco del Comune di Forlì Roberto Balzani, l’amministratore delegato di Ferretti Group Ferruccio Rossi e il management dell’azienda, i rappresentanti delle organizzazioni sindacali e di Confindustria Forlì.

Nel corso dell’incontro l’azienda, che in Italia ha complessivamente cinque siti produttivi, ha illustrato la situazione finanziaria del Gruppo, con particolare riferimento all’andamento del mercato, e ha delineato le azioni che intende intraprendere per garantirsi una prospettiva di sviluppo, individuando in particolare nella cessazione dell’attività dello stabilimento di Forlì una misura utile a diminuire i costi.

Le organizzazioni sindacali e le istituzioni hanno invece ribadito l’opposizione alla chiusura dello stabilimento di Forlì, che occupa 350 addetti, pur condividendo l’opportunità e la necessità di mettere in atto concordemente un insieme di misure tali da consentire una contrazione dei costi allineata con le esigenze indicate dall’azienda e stimata nell’ordine di 4,6 milioni di euro.

“La decisione di procedere con un tavolo tecnico è un passo positivo - ha detto al termine dell’incontro il presidente della Regione Errani – Auspico che questo lavoro dia i frutti sperati e assicuri nuove prospettive al sito produttivo di Forlì”. La verifica del tavolo tecnico dovrà essere completata prima dell’incontro al Ministero dello Sviluppo economico, in programma per il 18 febbraio, e la prima riunione si terrà già mercoledì a Forlì.

IL PLAUSO DEI SINDACATI. La delegazione sindacale di Cgil, Cisl e Uil ha apprezzato l’ impostazione delle Istituzioni. Scrivono in una nota: “Confidiamo nella possibilità che il Tavolo tecnico possa per davvero entrare nel merito di soluzioni alternative alla chiusura dello Stabilimento di Forlì. Chiusura che continuiamo a considerare come l’avvio della messa in discussione degli assetti produttivi di tutto il Gruppo Ferretti. In ogni caso il livello di mobilitazione dei lavoratori e delle lavoratrici resterà inalterato fino al 18 febbraio data di incontro al Ministero dello Sviluppo Economico. Domani mattina si svolgerà l’assemblea dei lavoratori del sito forlivese per informarli dettagliatamente sul contenuto dell’incontro e decidere le modalità con cui continuare le iniziative di lotta. Nel pomeriggio avrà luogo il primo incontro tecnico così come convenuto nel verbale di incontro sottoscritto in data odierna fra le parti in Regione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SuperEnalotto, sfiorato il colpaccio da oltre 67 milioni: si consola con una bella vincita

  • Elezioni regionali, l'Emilia Romagna elegge il nuovo presidente: la diretta dello spoglio, tutti i dati

  • Rapina con la pistola e strattona la farmacista terrorizzata, arrestato nel giro di due giorni

  • L'auto sfreccia ad alta velocità, scatta l'inseguimento sulla via Emilia: alla guida c'era uno spacciatore

  • Nel Forlivese solo Forlì e tre comuni preferiscono Bonaccini, l'entroterra è con Borgonzoni

  • Travolge una passante nei pressi del centro commerciale e non si ferma. Trovata grazie alle telecamere di ultima generazione

Torna su
ForlìToday è in caricamento