Festa a Sant'Ellero col presidente della Cei cardinal Bassetti

Nell'omelia il cardinal Bassetti ha commentato le letture della solennità liturgica del Santo, sottolineando i tre atteggiamenti fondamentali alla base della conversione

Il presidente della Conferenza Episcopale Italiana, è stato accolto dal vescovo diocesano, Livio Corazza

Grande emozione ha suscitato la visita del cardinal Gualtiero Bassetti a Galeata mercoledì in occasione della festa di Sant'Ellero. Numerose le autorità civili e militari presenti, col sindaco di Galeata, Elisa Deo, a fare gli onori di casa. Il porporato, che è arcivescovo di Perugia - Città della Pieve e presidente della Conferenza Episcopale Italiana, è stato accolto dal vescovo diocesano, Livio Corazza, che all'inizio della celebrazione lo ha salutato presentando la Diocesi come una comunità impegnata a diventare sempre più fraterna, attraente e luminosa.

Nell'omelia il cardinal Bassetti ha commentato le letture della solennità liturgica del Santo, sottolineando i tre atteggiamenti fondamentali alla base della conversione: "trovare il coraggio di affrontare la propria missione (profeta Elia); morire al peccato e alle opere del peccato (San Paolo); lasciare tutto senza rimpianti, considerando che l'impresa a cui ci si accinge ne valga la pena (Vangelo)". Ripercorrendo la vicenda umana e spirituale di Sant'Ellero, ed anche le varie epoche storiche attraversate dall'Abbazia, il cardinale ha ricordato come "grazie a questi piccoli eremi, a queste esigue comunità di monaci si sia propagata la fede e si sia conservata la civiltà antica".

"Preghiamo - ha concluso - perché sull'esempio di Sant'Ellero e del Servo di Dio Giulio Facibeni, il nostro Paese e la nostra Europa non smarriscano mai le proprie radici per vivere bene il presente e costruire un futuro di speranza, di solidarietà e di pace per tutti". Al termine della celebrazione, i sacerdoti dell'Opera Madonnina del Grappa hanno rivolto un accorato appello al cardinale perché, per quanto di sua competenza, vegli sulla prosecuzione della causa di beatificazione del fondatore, don Giulio Facibeni, nato a Galeata e vissuto a Firenze. Su di lui il porporato si era espresso nell'omelia con queste parole: "Desideriamo ringraziare il Signore per averci donato questo piccolo prete, che si è caricato di pesi e di croci che gli hanno richiesto un continuo abbandono alla Provvidenza di Dio, fino a consumarsi totalmente nella carità. Un uomo, un prete che ha preso alla lettera il Vangelo".

Potrebbe interessarti

  • Cattivi odori addio: ecco come pulire i bidoni della spazzatura

  • Top Hairstylist in città: scopri a chi affidare il tuo prossimo cambio di stile

  • Evitare la bolletta salata in estate con questi 3 suggerimenti

  • Nausea e cerchi alla testa? 5 rimedi per far passare prima la sbornia

I più letti della settimana

  • Giovane harleysta morto sulla Cervese, la fidanzata in prognosi riservata. C'è un testimone della sciagura

  • Va alla scoperta delle bellezze rurali, un infarto lo uccide: la vittima è un volto noto di Forlì

  • Tragico incidente all'alba: quattro morti, tra loro due fratelli minori

  • Tragedia nella notte: si schianta contro un albero, muore una 26enne

  • Ancora sangue sulle strade: sciagura in serata, muore un 28enne forlivese

  • Accertato un caso di Dengue a Forlì: scatta il Piano di disinfestazione contro la zanzara tigre

Torna su
ForlìToday è in caricamento