Festival di Castrocaro 2019, i 10 finalisti che si contenderanno la vittoria in diretta Rai

Sono in dieci e arrivano da tutt'Italia: sono i giovani finalisti del Festival di Castrocaro, che si avvia verso la sua fase conclusiva

Sono in dieci e arrivano da tutt'Italia: sono i giovani finalisti del Festival di Castrocaro, che si avvia verso la sua fase conclusiva, con l'indicazione dei 10 concorrenti che si giocheranno il titolo. Lunedì mattina sono stati presentati in municipio a Castrocaro i nomi dei 10 finalisti che prenderanno parte alla 62esima edizione del Festival di Castrocaro, la cui serata conclusiva è prevista per martedì 3 settembre con una diretta televisiva in prima serata in onda su Rai2 e in contemporanea su Radio2. Padroni di casa, in quest’occasione, Belen Rodriguez e Stefano De Martino: per loro si tratta del debutto in coppia alla conduzione di un programma di prima serata. Presidente di giuria sarà invece Simona Ventura.

I dieci finalisti sono coloro che sono arrivati fin qui dopo aver superato selezioni in giro per l’Italia. Sono stati presentati dal presidente di Arcobaleno Tre, nuovo gestore del festival, Lucio Presta, assieme al sindaco Marianna Tonellato e all’amministratore delegato delle Terme di Castrocaro Lucia Magnani.  Il Festival di Castrocaro può essere considerato come il primo talent nella storia della musica italiana e ha visto nascere grandi star come Eros Ramazzotti, Zucchero, Nek e Laura Pausini, giusto per fare qualche nome.  Da ricordare che tutte le iscrizioni da parte dei partecipanti alle selezioni sono state gratuite. 

I dieci più bravi che il 3 settembre si sfideranno, in diretta RAI per vincere il titolo, tutti giovanissimi dai 17 ai 28 anni, tra cui anche una ragazza di Malta, sono Anita Guarino, Debora Manenti, Giovanni Arichetta, Gaia Gemmellaro, Michele Sechi (Mike Baker), Nicole Frendo, Riad Souala, Roberto Pio Leonardo Tornabene, Rosario Canale (Kram), Alfredo Bruno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

  • Coronavirus, il presidente Bonaccini: "Stiamo valutando la chiusura di asili nido, scuole, impianti sportivi e musei"

Torna su
ForlìToday è in caricamento