Finti sordi al parcheggio dell'iper per impietosire i clienti e ricevere offerte: denunciati

I due soggetti sono stati rintracciati nei pressi ed identificati dalla Polizia, supportata anche da personale addetto alla sicurezza dell’Ipermercato

Giravano per il parcheggio del centro commerciale "Punta di Ferro", fingendosi sordi e chiedendo fondi per una fantomatica associazione di sordomuti. In realtà puntavano ad impietosire i passanti per intascarsi il denaro. Due romeni, un 29enne e l'altro 24enne, in Italia senza fissa dimora, sono stati denunciati a piede libero dagli agenti delle Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura con l'accusa di "esercizio molesto dell’accattonaggio", previsto dall’articolo 669-bis del codice penale ed introdotto nel nostro ordinamento con il decreto di sicurezza converito in legge il 1 dicembre del 2018. Le nuove norme prevedono l’arresto da tre a sei mesi e una multa da 3 a 6 mila euro per chi esercita l’accattonaggio simulando malattie, attraverso il ricorso a mezzi fraudolenti per destare pietà. 

I poliziotti sono intervenuti a seguito delle segnalazioni pervenute al numero di emergenza 112 da parte di cittadini che erano stati molestati dai due personaggi, che richiedevano versamenti volontari di denaro per una inesistente associazione di sordomuti, simulando essi stessi di soffrire di questa menomazione, esibendo dei cartelli con scritte dirette a suscitare senso di carità. I due avevano in uso anche penne ad inchiostro cancellabile, così che dopo avere registrato l’offerta davanti alla persona caritatevole, la cancellavano una volta che questi si era allontanato, in modo da non fare risultare, in caso di controllo, l’entità delle somme ricevute.

D’altra parte, anche al momento del controllo hanno cercato di eliminare alcune strighe recanti le indicazioni dei "benefattori", ma invano. In un caso, una donna, che intenziata a fare un’offerta di dieci euro, aveva consegnato ad uno di essi una banconota da 50 euro, richiedendo però il corrispettivo di 40 euro come resto. L’uomo, fingendo di recarsi in un negozio per cambiare la moneta, di fatto si è poi dileguato. I due soggetti sono stati rintracciati nei pressi ed identificati dalla Polizia, supportata anche da personale addetto alla sicurezza dell’Ipermercato, e nei loro confronti è scattata una denuncia per tentata truffa ed esercizio molesto dell’accattonaggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: 23 contagi, nel riminese il primo caso in Romagna

  • Coronavirus, scuole chiuse e certificato medico: la Regione mette ordine

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Coronavirus, l'ultimo aggiornamento: casi in aumento in Emilia legati al focolaio lombardo. Nessuno in Romagna

Torna su
ForlìToday è in caricamento