Dagli abusi del padre alle violenze nella casa famiglia

Era stata affidata ad una casa famiglia dopo aver subìto degli abusi dal padre. Ma poi ha dovuto fare i conti con l'operatore responsabile della struttura protetta, un forlivese di 48 anni

Era stata affidata ad una casa famiglia dopo aver subìto degli abusi dal padre. Ma poi ha dovuto fare i conti con l'operatore responsabile della struttura protetta, un forlivese di 48 anni, che l'ha costretta a rapporti sessuali. Alcuni di questi sono stati ripresi dalle telecamere della sezione reati sessuali della Squadra Mobile, piazzate nella casa famiglia dopo i primi sospetti. E' la storia di una ragazzina di 12 anni. Il 48enne comparirà venerdì in Tribunale a Forlì.

L'accusa è di violenza sessuale, aggravata dall'età della giovane e anche dal fatto che l'imputato aveva l'obbligo di tutelare ed educare l'adolescente. Il quarantottenne rischia fino a dodici anni di galera. Venerdì mattina il giudice per le udienze preliminari, Luisa Del Bianco, analizzerà le immagini riprese dalla Mobile. Il 48enne avrebbe chiesto di esser giudicato con rito abbreviato, in modo tale da ottenere una pena ridotta di un terzo.

Potrebbe interessarti

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • 7 cose da fare in casa prima di partire per le vacanze: tu le hai fatte?

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

  • La vedova di Bovolenta rivela: "Ho ritrovato l’amore. La vita regala sorprese bellissime"

  • Dipendente comunale ucciso dalla meningite fulminante, profilassi anche in alcuni uffici municipali

  • Trema la terra: doppia scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

Torna su
ForlìToday è in caricamento