Panico sul bus: prende il volante perchè vuol scendere prima

Tutto è cominciato quando una trentenne nigeriana, incinta all'ottavo mese e con due figli di 2 e 4 anni con lei, ha cominciato a pretendere di scendere prima della fermata

Momenti di panico martedì mattina a bordo di un autobus. Tutto è cominciato quando una trentenne nigeriana, incinta all'ottavo mese e con due figli di 2 e 4 anni con lei, ha cominciato a pretendere di scendere prima della fermata in viale Risorgimento. La donna ha cominciato a gridare, mettendo paura ai passeggeri a bordo, e allo stesso tempo prendendo a ceffoni il conducente che si era rifiutato di fermarsi anzitempo.

L'extracomunitaria ha persino messo le mani sul volante, sterzando e creando una situazione di pericolo. L'autista, nonostante avesse incassato un paio di schiaffi, è riuscito a mantenere il sangue freddo e gestire la situazione, riprendendo il controllo del bus e fermarsi. Contemporaneamente alcuni passeggeri hanno allertato il 113.

Sul posto sono intervenute le Volanti della Questura di corso Garibaldi, che hanno raccolto la testimonianza anche dei passeggeri. La donna  ha rimediato diverse denunce: oltraggio e violenza a pubblico ufficiale ed interruzione di servizio pubblico. L'autista si è poi recato al pronto soccorso per le cure del caso: referto in mano, la trentenne rischia anche l'accusa di lesioni aggravate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpisce due auto e poi si cappotta nel fosso: pauroso incidente

  • Stormi di migliaia di uccelli volteggianti sulla città, frastuono sugli alberi: la spiegazione del fenomeno

  • Falegname e pizzaiolo nei weekend, apre una pizzeria tutta sua: "Vetrina che si riaccende in centro"

  • Assume cocaina, perde la testa e cerca delle scarpe tra le auto: non lo ferma nemmeno lo spray al peperoncino

  • Postano su Facebook la foto del gatto rubato dal negozio: madre e figlia nei guai

  • Nella notte spunta uno striscione a Forlì: "Liberazione costellata di massacri e distruzione"

Torna su
ForlìToday è in caricamento