ForlìPerBene, primo "World Cafè": "A Forlì manca la vera partecipazione"

Si è svolto venerdì, alla presenza di una trentina di partecipanti, il primo "world cafè" organizzato dall'associazione ForlìPerBene alla presenza dei sociologi Maria Cristina Carraro e Stefano Cifiello

"Il sindaco di Forlì sono io". Si è svolto venerdì, alla presenza di una trentina di partecipanti, il primo "world cafè" organizzato dall'associazione ForlìPerBene alla presenza dei sociologi Maria Cristina Carraro e Stefano Cifiello: i quattro tavoli (il primo "Secondo te cosa bisogna fare perchè i cittadini partecipino attivamente alle scelte del Comune", il secondo "Secondo te quali gli investimenti primari per una città più bella, più viva, più colta", il terzo "Secondo te che fare per aumentare la sicurezza", e il quarto "Secondo te che fare per migliorare la qualità dell' aria e la mobilità") hanno visto un dibattito intenso e proficuo, che ha potuto contare insieme alle considerazioni di tanti cittadini preparati e attenti, della esperienza di diversi coordinatori di quartiere, specialisti in ambiente e cultura con particolare riferimento alla storia ben oltre Forlì di "Nuova Civiltà della Macchina".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tutti i partecipanti erano in una logica di ascolto nello spirito del superamento della deleteria contrapposizione a tutti i costi e sono emerse tante idee e proposte che verranno elaborate - spiega Gianfranco Biserna -. Il percorso proseguirà con altri World Cafè, sempre mirati, per poi arrivare ad una piattaforma di temi da mettere in rete per un confronto politico con come referenti tutti i cittadini che hanno partecipato ed elaborato. L'elemento condiviso venerdì è stata la consapevolezza dei presenti che a Forlì manca la vera partecipazione, quella che deve vedere coinvolti non solo gli ambienti vicini al governo della città e quelli obbligati pro forma, ma tutti, proprio tutti a partire dalle fasce più deboli. E ciò deve avvenire nella fase precedente alla formazione delle scelte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

  • Dal tampone pre-assunzione scopre di essere positivo al covid-19

  • "Voglio farla finita": poliziotti e operatori sanitari salvano la vita ad un 21enne

Torna su
ForlìToday è in caricamento