Forza Nuova, manifestazione in piazza: "L'immigrazione non è una ricchezza"

Carabinieri e Polizia, in tenuta anti sommossa, hanno tenuto divisi i due gruppi, evitando che le fazioni venissero a contatto. La sfida è stata più che altro a suon di cori, tra "Bella Ciao" e "Fratelli d'Italia".

Foto di Cristiano Frasca

Da una parte il gruppo di Forza Nuova, dall'altro la contromanifestazione organizzata da gruppi vicini alla sinistra. Attorno molti curiosi. Questa la fotografia di piazza Saffi sabato pomeriggio, dove si è svolta la manifestazione di Forza Nuova contro il fenomeno dell'immigrazione incontrollata. "Fuori i fascisti dalle città”, questo il coro partito dal gruppetto, invece, radunato ai piedi di Aurelio Saffi. La replica dai manifestanti sotto il palazzo della Camera di Commercio: "Forza Nuova orgoglio nazionale".  

Il gruppo di estrema destra, diverse decine di persone, è entrato in piazza passando da via Allegretti sotto l'occhio attento di Carabinieri e Polizia, in tenuta anti sommossa, che hanno tenuto divisi i due gruppi, evitando che le fazioni venissero a contatto. Non sono mancati momenti di tensione, quando un gruppo di antagonisti ha cercato il contatto. Poi è partita la sfida a suon di cori, tra "Bella Ciao" e "Fratelli d'Italia". Al fianco di FN anche il Movimento Idea Sociale Emilia Romagna e Forlì.

LA MANIFESTAZIONE - La manifestazione degli esponenti di estrema destra è stata organizzata per esprimere “anche in terra di Romagna la propria contrarietà a qualsiasi tipo di società multietnica, per chiedere una maggior tutela dell'identità italiana ed un blocco immediato dell'immigrazione - come si leggeva in una nota di FN - Dopo che per anni la classe politica ha raccontato agli italiani che gli immigrati erano necessari per l'economia, Forza nuova grida oggi ad alta voce che l'immigrazione non è una ricchezza, che l'immigrazione genera povertà tra gli Italiani ma soprattutto che l'immigrazione uccide lentamente la nostra terra ed il nostro popolo. Nel frattempo nella provincia di Forlì-Cesena nell'ultimo decennio i furti in casa sono aumentati del 312,9% conquistando così il triste primato nella classifica redatta dal Censis, le nostre città sono diventate terra di nessuno, vi è paura a camminare per strada, ma spiace ancor di più constatare che vi è anche ancora chi, complice, discute di solidarietà ed aiuti dovuti dimenticandosi di porgere lo sguardo verso i cittadini italiani e le loro esigenze”.

L'ANPI: "INIZIATIVA PROVOCATORIA" - "Ancora una volta ci troviamo a dover contrastare l'ennesima iniziativa provocatoria di un gruppo dell'estrema destra. Ancora una volta siamo a chiedere  di non consentire l'oltraggio alla memoria storica di P.zza  Saffi,  alla memoria di coloro che pagarono col capestro il loro epico valore, alla memoria di coloro la cui vita fu simbolo di ogni ardimento e fiamma di amore per la Libertà e la Patria". E' quanto si legge in una nota diffusa dall'ANPI di Forlì-Cesena, firmata dal presidente Carlo Sarpieri, in merito alla manifestazione di Forza Nuova. "Ci fa piacere di non esser soli ad auspicare un atto significativo del  Consiglio Comunale di Forlì che regolamenti l'uso della Piazza per dar  voce all'indignazione di tutti i cittadini democratici che ritengono uno sfregio permettere l'utilizzo di questo luogo in modo totalmente inappropriato ed incompatibile con la sua storia. Forlì non può dimenticare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nella nebbia parcheggia l'auto e si mette a dormire: ma contromano e nella corsia di sorpasso della Tangenziale

  • Continua il tour romagnolo della Dea Bendata: dopo i gratta e vinci ecco il colpo con la Lotteria Italia

  • Assume cocaina, perde la testa e cerca delle scarpe tra le auto: non lo ferma nemmeno lo spray al peperoncino

  • Bel regalo di Natale in anticipo: gratta e vince una bella somma col 46 di Valentino Rossi

  • Maltempo, le piogge concedono una tregua: superato il picco di piena del Montone

  • Postano su Facebook la foto del gatto rubato dal negozio: madre e figlia nei guai

Torna su
ForlìToday è in caricamento